Sterilizzazione e aborti forzati per le donne: così la Cina vuole eliminare la minoranza musulmana

Si torna a parlare di Xinjiang dopo l'inchiesta del New York Times che rivelerebbe la campagna cinese per controllare i diritti riproduttivi delle donne musulmane.

La Cina torna a far preoccupare le potenze occidentali per l’ennesima deroga ai diritti umani denunciata stavolta dal New York Times. Lo Xinjiang è una regione nel Nord-Ovest del Paese ormai “popolare” per i numerosi servizi che testimoniano l’ostacolato popolo degli Uiguri che lì risiede.

Si pensi ai campi di “rieducazione”, da molti definiti campi di lavoro forzato, luogo di destinazione di moltissimi Uiguri. La recente inchiesta del giornale americano rivela che il governo cinese stia attuando una campagna per controllare i diritti riproduttivi delle donne musulmane.

Sterilizzazioni in Cina per le Uigure: cosa rivela l’inchiesta del New York Times

Di Xinjiang se ne è già sentito parlare. Ancora una volta, trapelano notizie relative alla discriminazione della minoranza musulmana e turcofona degli Uiguri.

Pare che le Uigure, le donne, e gli uomini, di origini Kazake, e le Uzbeke vengano spinti in “maniera coatta” a usare contraccettivi come la spirale o a subire interventi di sterilizzazione. Cosa hanno in comune le donne e gli uomini a cui spetta osservare le direttive dall’alto? L’appartenenza religiosa, si tratta infatti di musulmani residenti nello Xinjiang.

La “politica” trapelata dall’inchiesta rivela una serie di azioni ripetute e ormai diventate sistematiche che comportano la drastica riduzione nella scelta di portare avanti gravidanze.

Per esempio, accade che se le donne in questione hanno troppi figli o rifiutano le procedure contraccettive previste per loro, incorrono a multe salate oppure perfino detenzione in uno dei campi. Le testimonianze parlano anche di farmaci somministrati per bloccare il ciclo mestruale e, in alcuni casi, di stupri.

La risposta di Pechino e le testimonianze che la sovvertono

Pechino, in pronta risposta, sostiene che in realtà il calo delle nascite effettivamente registratosi presso la popolazione degli Uiguri non ha nulla a che vedere con un qualsivoglia piano programmatico. Anzi, sostiene sia un effetto indiretto dei processi di educazione. Secondo il governo di Pechino, è naturale avvenga un processo di emancipazione della donna musulmana che la porti a distogliere i sui piani futura dal continuare a fare figli.

Tuttavia, fra le testimonianze raccolte nell’inchiesta del Nyt emergono quelle di donne che smentirebbero quanto dichiarato dal governo di Pechino. Alcune donne ricevevano, tramite We Chat, diretta esortazione da parte dei funzionari governativi a sottoporsi a specifici controlli. Non meraviglia certo il fatto che i funzionari governativi di uno stato fortemente accentrato come la Cina entrino con tale invadenza nella vita privata delle persone. A stupire piuttosto è quello che potrebbe derivare da questo complesso di azioni “politiche”: un ulteriore ostacolo alla dignità degli Uiguri e alla loro diretta sopravvivenza nella regione dello Xinjiang.

LEGGI ANCHE: In Italia abortire è spesso un diritto negato

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Cappelli estivi da donna: i trend

Le Nonne polacche in piazza per difendere i diritti Lgbt dei nipoti

Leggi anche
  • 11 settembre 202111 settembre 2001 – 11 settembre 2021: una tragedia mai finita

    11 settembre 2001 – 11 settembre 2021: ripercorriamo le tappe di una tragedia mai finita.

  • legge aborto texas nazioni uniteTexas, la legge anti-aborto condannata dalle Nazioni Unite

    Continuano le proteste per la legge anti aborto del Texas approvata dalla Corte Suprema: arriva anche la condanna delle Nazioni Unite.

  • donne afghanistan sportAfghanistan: i talebani vietano lo sport alle donne

    Il regime dei talebani continua a far temere per la sicurezza delle donne in Afghanistan, che non potranno più praticare sport.

  • estetista cinica veneziaEstetista cinica a Venezia: non solo body positive, ma un inno alla vita

    Grande lezione di body positive, quella che l’Estetista cinica ha dato a follower e non al Festival di Venezia 2021: il suo red carpet passerà alla storia.

Contents.media