Notizie.it logo

Sia, la cantate si ferma: “Ho un tumore”

Sia

Sia è costretta a fermarsi per prendersi cura di sé: il suo complesso quadro clinico spiegato ai fan su Twitter.

Sia ha bisogno di una lunga pausa per curare la rara e sfortunata combinazione di malattie che le sono state diagnosticate. In passato la celebre cantante australiana era stata classificata come individuo bipolare e curata per questa malattia mentale da cui, alla fine, si è scoperto non essere affetta. Il complesso quadro clinico di Sia è stato reso noto dalla cantante attraverso una serie di Twit, quindi le informazioni diffuse finora si considerano assolutamente certe.

Sia: “Sto soffrendo di dolore cronico”

Per ben due anni i fan di Sia hanno atteso che la cantante pubblicasse un nuovo album di inediti che bissasse (e possibilmente superasse) il successo planetario di Everyday is Christmas, uscito nel 2017.

In realtà negli ultimi due anni Sia non è stata affatto lontano dalle scene, ma si è dedicata a un progetto diverso da quello solista, fondando un supergruppo chiamato LSD insieme al DJ Diplo e al cantante inglese Labirinth (il nome del gruppo è l’acronimo formato dalle iniziali dei nomi dei tre componenti).

Gli LSD hanno pubblicato l’album omonimo una manciata di mesi fa, appena nell’aprile del 2019.

Dopo l’ultimo periodo di superlavoro però Sia ha stabilito di prendersi una pausa per dedicarsi esclusivamente alla propria salute, esattamente come ha fatto di recente Emma Marrone. La cantante ha spiegato nel dettaglio ai propri fan i motivi di questo ritiro.

Non sto bene, sto soffrendo di dolore cronico, di una malattia neurologica e ho anche la sindrome di Ehlers Danlos. Volevo solo dire a quelli di voi che soffrono di dolore, sia fisico che emotivo, che vi amo, andate avanti. La vita è molto dura. Il dolore è demoralizzante, ma non siete soli.

Per ora mi sono fermata. Ho dato uno stop al lavoro. Ho anche un tumore benigno nella mia ghiandola pituitaria.

Quali sono le malattie di Sia?

Per chi non mastica il lessico tecnico della medicina, è bene fare qualche chiarimento: il dolore cronico è una condizione che dura per anni e che colpisce principalmente le donne. In genere il dolore cronico si sviluppa a partire da altre malattie come l’emicrania, il mal di schiena, l’endometriosi, l’artrosi e così via. Se non curato in maniera appropriata fa sprofondare coloro che ne soffrono nella depressione.

La sindrome di Ehlers Danlos è invece una patologia a cura del tessuto connettivo, a causa della produzione, da parte del corpo, di un collagene mutato.

E’ una patologia ereditaria caratterizzata da iperlasticità dei legamenti e della cute. Sia non è il primo personaggio pubblico a soffrire di questa sindrome. Yvie Oddly, ultima drag queen vincitrice di Ru Paul Drag Race, soffre dello stesso male.

La ghiandola a cui fa riferimento Sia è l’ipofisi, responsabile della secrezione di ormoni importantissimi per il metabolismo corporeo. Fortunatamente il tumore all’ipofisi che è stato diagnosticato alla cantante è di origine benigna.

Sia chiarisce: “Non sono bipolare”

Anni fa era stato diagnosticata alla cantante la sindrome bipolare di tipo 2, che si caratterizza nell’arco della vita da uno o più fasi di depressione profonda accompagnata da almeno un episodio maniacale. La fase della “mania” è caratterizzata dall’incapacità di portare a termini progetti, da un atteggiamento caotico e del tutto inconcludente.

Sia ha annunciato, nel corso delle ultime ore, di non aver mai sofferto di sindrome bipolare: i medici sono riusciti a scoprire solo di recente che i suoi disturbi mentali derivano da un forte stress post traumatico e che, quindi, bisogna completamente cambiare le strategie di cura messe in atto fino a questo momento.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Olga Luce
Olga Luce, nata a Napoli nel 1982, è diplomata al liceo classico. Scrive di cronaca, costume e spettacolo dal 2014. Il suo motto è: il gossip è uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo (quindi tanto vale farlo bene)! Ha collaborato con Donnaglamour, Notizie.it e DiLei. Oggi scrive per Donnemagazine.it
Leggi anche