San Marino si prepara al referendum per legalizzare l’aborto

Manca ormai poco tempo a una data storica per San Marino, che potrebbe rendere finalmente l'aborto legale.

Nel piccolo stato di San Marito, fra Emilia-Romagna e Marche, donne caparbie e agguerrite lottano, ormai da diverso tempo, per legalizzare l’interruzione volontaria di gravidanza. Il referendum per decidere su tale questione è fissato per il 26 settembre, una data che potrebbe diventare storica per molte donne.

San Marino e il referendum sull’aborto

Attualmente, per la legge della Repubblica del Titano l’aborto è ancora un reato. Il codice penale stabilisce una pena dai tre ai sei anni di reclusione per la donna che abortisce e per chiunque partecipi, a prescindere dalle ragioni della scelta: anche in caso di stupro o di gravi malformazioni fetali.

Questo fa sì che le donne che vogliano abortire si rechino in Italia, dove è legale dal 1978, presso strutture private, senza alcun supporto psicologico e con costi elevati.

Raccogliere dati in merito è impossibile: molte lo fanno clandestinamente, anche per evitare lo stigma nel proprio Paese.

Ancora una volta San Marino è teatro di conquiste tardive in materia di diritti, compresi quelli. Solo nel 1973 è stata introdotta la legge che ha consentito alle donne di assumere funzioni, cariche e impieghi pubblici. Nel 1980, invece, è stata la volta dell’istituzione degli asili nido. Maria Lea Pedini nel 1981 fu la prima donna a ricoprire la carica di Capo del governo, ed oggi è in prima fila per la battaglia sull’aborto.

Il referendum per l’aborto

Per quanto riguarda l’interruzione di gravidanza, era già stato fatto un tentativo nel 2003 per depenalizzarla, ma senza successo. Nel febbraio 2021 l’Unione Donne Sammarinesi ha riproposto il quesito referendario, che il 15 marzo il collegio garante della costituzionalità ha dichiarato ammissibile. Da allora sono state raccolte più di 3000 firme, fondamentali per fissare una data: il 26 settembre si terrà a San Marino il referendum per legalizzare l’aborto. Come affermato dal Comitato Promotore è un appuntamento con la storia dei diritti delle donne.

Il referendum chiede di legalizzare l’aborto entro le dodici settimane, e oltre questo termine se c’è un pericolo di vita per la donna o se ci sono gravi malformazioni del feto.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Unione Donne Sammarinesi UDS (@unionedonnesammarinesi)

La situazione nell’Unione Europea

San Marino non è l’unico Stato con lacune legislative in materia. Anche in Irlanda la conquista di questo diritto è passata per la volontà popolare ed è stato legalizzato solo nel 2018. In altri stati europei è poi ancora vietato abortire. In particolare, a Malta non è permesso praticare un’interruzione di gravidanza in nessun caso. Anche le pene in questo caso sono molto severe: fino ai tre anni di reclusione per la donna, mentre il medico può perdere la licenza e rischiare quattro anni di carcere. A Cipro è concesso l’aborto solo nel caso in cui la donna sia stata vittima di uno stupro. Nel Lichtenstein e ad Andorra, invece, è permesso solo se la salute della donna è in pericolo. In Polonia la legge vieta di abortire anche in caso di malformazioni fetali gravi.

Tutti questi casi scatenano una grande solidarietà internazionale e numerose proteste per conquistare un diritto fondamentale per la salute e l’incolumità delle donne.

LEGGI ANCHE: Aborto: perché dovrebbe essere legale in tutti i paesi

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Maschera per i piedi: come si usa e quale acquistare

Quanta acqua bere al giorno: le quantità e i consigli per bere di più

Leggi anche
  • simboli contro violenza donneDalle scarpe rosse alla panchina: tutti i simboli contro la violenza sulle donne

    Dalle scarpe rosse alle panchine che colorano le piazze: ecco quali sono tutti i simboli più conosciuti contro la violenza sulle donne.

  • cosa significa demigirlCosa significa Demigirl e perché è importante saperlo

    Cosa significa essere Demigirl: la definizione e l’importanza di saper distinguere l’identità di genere dall’orientamento sessuale di una persona.

  • Giampiero Galeazzi malattiaGiampiero Galeazzi malato da tempo: “Non ho il Parkinson, ma il diabete”

    “Non ho il Parkinson, ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe”, aveva detto nel 2019 in una delle sue ultime apparizioni.

  • venezia top ginnastica ragazze 2Venezia, top di ginnastica vietato alle ragazze: “Distraggono i maschi”

    A Venezia ha fatto molto discutere la decisione di un’insegnante che ha vietato alle ragazze di indossare il top sportivo durante l’ora di ginnastica.

Contents.media