La vita delle tate della Royal Family, tra regole e uniformi

Uniforme marrone, parole vietate e un'istruzione privilegiata: l'identik delle royal nannies che si prendono cura dei bambini reali del Regno Unito.

La Royal family britannica ha al suo seguito una schiera di nanny in uniforme che si prendono cura dei loro bambini: la vita delle tate è dura, sottoposte a regole ferree da seguire pena il licenziamento in tronco.

Royal family: la vita delle tate

Tra le mura dei palazzi della Royal family si aggirano figure onnipresenti e fondamentali per la gestione familiare. Si tratta delle cosiddette ‘royal nanny‘, le tate che si prendono cura dei bebè reali. Esse hanno rivestito spesso un ruolo fondamentale per l’educazione dei bambini reali, occupandosene quotidianamente e anche durante i lunghi viaggi dei genitori. La nursery è uno degli spazi più importanti dei palazzi reali, dove vengono allevati i futuri re e regine, principi e principesse.

Per questo motivo le tate sono fondamentali e indispensabili, spesso sono figure cui i bambini si affezionano tanto e a lungo nel tempo.

Esse però devono sottostare quotidianamente a regole e imposizioni molto stringenti. Ad esempio, all’inizio del loro lavoro, devono firmare un contratto di segretezza: la discrezione è fondamentale per la Royal Family. Nulla di ciò che vedono o sentono a palazzo deve uscire, quantomeno arrivare alle orecchie dei giornali e dei tabloid che scatenerebbero un putiferio.

Anche per questo motivo le royal nanny non possono utilizzare i social network. Essenziale è l’utilizzo dell’uniforme marrone chiaro con colletto bianco fornito a tutte le tate dei royal babies, così da potersi distinguere tra tutti.

uniforme royal nanny

Nel tempo sono state molte le tate licenziate per motivi disparati. Ad esempio la royal nanny di William e Harry, Barbara Barnes, cui i principini si erano talmente affezionati da costringere Lady Diana a licenziarla per gelosia. Oppure le tre nanny di fila che Meghan Markle ha licenziato, pretendendo il meglio per il suo primogenito Archie, anche dopo l’allontanamento dalla Royal Family di Meghan e Harry.

Le royal nanny più famose

Indubbiamente famosissima è la vecchia tata dei principi William e Harry, Jessie Webb. I due sono ancora molto affezionati a lei, che li ha cresciuti ed educati, tanto che spesso non è mancato un invito per lei alle cerimonie importanti come il battesimo del principino George.

Maria Teresa Borrallo, di origini spagnole, è invece la royal nanny dei figli di William e Kate Middleton. È dal 2014 che la donna è stata assunta a Kensington Palace dopo un lungo periodo di studi al prestigioso Norland College. Quest’ultima è la scuola del Regno Unito più famosa per apprendere il mestiere di tata. La Borrallo è sempre presente nella vita di George, Charlotte e Louis di Cambridge e li accompagna ovunque.

maria teresa borrallo

Scritto da Megghi Pucciarelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Ngozi Okonjo-Iweala, la prima donna alla direzione della Wto

Chi sono I Desideri: tutto sui due fratelli figli d’arte

Leggi anche
  • Nel contesto di una campagna di marketing in grado di garantire risultati soddisfacenti, vale la pena di prendere in esame l’idea di utilizzare delle magliette promozionali.Perché conviene usare le t-shirt personalizzate per promuovere un’azienda

    Usare magliette personalizzate conviene sempre: ecco dove stamparle e perché è importante per un’azienda.

  • premio strega cos'èPremio Strega: cos’è, la sua storia e come funziona

    Da 75 anni si fa promotore della cultura italiana attraverso la premiazione di un libro italiano: tutto sul Premio Strega.

  • amazon prime reading come funzionaAmazon Prime Reading: cos’è e come funziona

    Conoscete già Amazon Prime Reading? Per gli amanti della lettura è una funzionalità da non perdere: ecco cos’è e come funziona.

  • bumble come funzionaBumble: come funziona l’app d’incontri femminista

    Quando un’app dedicata agli incontri virtuali si fa portavoce del manifesto femminista: è il caso di Bumble, ma con un’unica eccezione.

Contents.media