Le professioni del futuro: il lavoro dopo internet

Il lavoro dopo internet, si delineano nuovi scenari lavorativi: quali sono?

Nel tempo, con i cambiamenti tecnologici che hanno caratterizzato le diverse epoche storiche, si sono evoluti, nel bene e nel male, tanti aspetti della vita delle persone, dalla vita sociale a quella lavorativa, dalle relazioni internazionali al commercio. Sì, perché ormai si fa fatica a immaginare come sarebbe il mondo se non ci fosse stata la rivoluzione industriale, se non fosse stata scoperta l’elettricità oppure il motore e dunque le automobili prima e gli aerei poi. Inevitabilmente questi cambiamenti hanno comportato una necessità di adeguamento delle persone, dall’attitudine ai sempre maggiori scambi commerciali fino alla sfera del lavoro: senza aerei non ci sarebbe ad esempio la figura delle hostess, senza imprese strutturate non esisterebbero i responsabili del marketing o delle vendite, senza luce non ci sarebbe stato bisogno degli elettricisti, e così via. Internet ha rappresentato l’ultima importante tappa di questo cambiamento tuttora in corso, e ha reso necessaria l’introduzione di nuove figure professionali prima inimmaginabili, dai tecnici agli ingegneri, fino ai responsabili dei contenuti e a coloro che si occupano di progettazione manutenzione dei siti web, passando per i grafici specializzati.

Si delineano inoltre nuovi scenari lavorativi futuri, come per esempio la comparsa del “concierge”, ovvero il portiere d’albergo specializzato nella manutenzione di computer e apparecchi informatici, o quella del “broadband architect”, che in pratica è un elettricista piuttosto evoluto, con il ruolo specifico di gestire i contenuti sulle tv domestiche, come si sa sempre più evolute e interattive.

Se poi i professionisti già esistenti al di fuori del virtuale hanno iniziato a prendere atto della rivoluzione tecnologica, adeguando di conseguenza ad essa il proprio lavoro, come nel caso dei virtual lawyer – ovvero una sorta di avvocato “a distanza” – è pur vero che Internet, con particolare riferimento ai siti web, ha introdotto nuovi tipi di lavoro.

Si pensi a quanto è complessa la struttura e la gestione di un sito aziendale: c’è bisogno di grafici specializzati e di fornitori di contenuti magari abili nella SEO (ovvero nell’ottimizzazione delle ricerche, da “search engine optimization”), così come, magari di social media manager.

La comunicazione in questo senso è fondamentale, perché la grafica, ad esempio, di un magazzino virtuale come Etsy avrà bisogno di certi colori e immagini rispetto a quella di 888 poker, il sito, così come i contenuti di Amazon necessitano di una piattaforma tecnica di supporto diversa da quella di un quotidiano online o di qualunque altro produttore di contenuti virtuali.

Ma un’altra novità fondamentale introdotta da Internet, che ha modificato in maniera importante l’approccio al lavoro, sono i social network, che hanno portato alle stelle i guadagni degli influencer e non solo, amplificandone ad ampio raggio la notorietà.

Il lavoro e il web: tra nuove professioni e opportunità lavorative

Non a caso ci troviamo nell’epoca dei “broker del tempo”, ovvero di quelle persone che nell’immediato futuro saranno in grado di investire in modo professionale sulla moneta più di valore di tutte, e comunque assolutamente insostituibile, anche ai giorni nostri, ovvero, il tempo. Anche gli influencer del resto sono una categoria tutta particolare e da prendere in considerazione. Da quelli legati al mondo della moda e alle sue evoluzioni, come Chiara Ferragni, che fa parlare di sé anche per questioni strettamente legate alla vita personale e al gossip, fino a coloro che incantano bambini e adolescenti di tutta Italia con appositi video su Youtube o altre piattaforme.

Si va infatti dalla “customizzazione” delle LOL (ovvero le bambole più amate dalle bambine) , per arrivare anche ai videotutorial – dal trucco alla cucina – dedicati invece in particolare alle donne, passando per i video dimostrativi collegati a varie attività di bricolage oppure alla presentazione e recensione di certi prodotti, in particolare tecnologici. E non mancano i “motivatori” dell’era virtuale, ovvero coloro che con alcuni brevi video riescono a dare stimoli importanti agli utenti, in tanti ambiti, a partire da quello lavorativo, fino ad arrivare ai diversi hobbies. Il cambiamento, come si nota, è ancora in atto. E come ogni altra modifica di tipo tecnologico, il protagonista è l’ingegno del momento, insieme al futuro, quando i cambiamenti che vengono vissuti oggi come oggi, saranno dati, forse, per scontati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Valentina Sampaio, curiosità sulla modella trans

Vicino di numero: cos’è la nuova challenge del web

Leggi anche
  • iva assorbenti 2021In arrivo il taglio dell’Iva sugli assorbenti: nel 2021 sarà ridotta al 10%

    Presto in arrivo il taglio sull’Iva per gli assorbenti: nel 2021 la tassazione diminuirà al 10%.

  • primark collezione tumore senoPrimark, lancia una collezione per sostenere le donne con tumore al seno

    Nel mese dedicato alla prevenzione, Primark lancia una linea per le donne che affrontano il tumore al seno e per sostenere la ricerca contro il cancro.

  • Ken versione sirenettoKen in versione sirenetto: il nuovo modello inclusivo etichettato Barbie

    Ken Tritone Re degli Oceani entra a far parte del mondo Barbie e può essere già preordinato su Mattel Creations.

  • Cos'è il greenwashingGreenwashing: cos’è e come contrastarlo

    Il greenwashing è una strategia comunicativa utilizzata dalle aziende con la quale si proclamano attente all’ambiente, nonostante non sia effettivamente così.

Contents.media