Digital aging: perchè utilizzare i prodotti anti luce blu

Dal siero al contorno occhi: quali sono i cosmetici da utilizzare per prevenire il digital aging causato dalla luce blu dei dispositivi elettronici.

Cos’è il digital aging e quali prodotti anti luce blu utilizzare per proteggere la pelle dai raggi emanati dai dispositivi tecnologici che usiamo quotidianamente.

Digital aging: cos’è

L’invecchiamento digitale o digital aging è il danneggiamento della pelle da parte della luce emessa dai dispositivi tecnologici, che a lungo andare comporta una accelerazione nella comparsa delle rughe.

Oggi in particolare, e in questi mesi di emergenza Covid-19, i dispositivi tecnologici sono indispensabili nella quotidianità, soprattutto per lo smartworking e la scuola. Dal cellulare al tablet, dal computer alla televisione, essi vengono usati quasi 24 ore su 24.

Tutti i device però emettono una luce blu, che è contenuta anche nella luce del sole ma in maniera più ridotta. Proprio questo tipo di luce potrebbe causare danni agli occhi e alla pelle, portando ad un invecchiamento delle cellule più accelerato e quindi alla comparsa delle rughe.

Per contrastare questo inestetismo si possono usare varie strategie. Proteggere gli occhi con delle lenti che filtrano la luce blu innanzitutto. In secondo luogo bisognerebbe moderare l’utilizzo dei dispositivi tecnologici; mantenerli ad una corretta distanza dal viso e diminuire la luminosità.

Seguire queste accortezze nel comportamento si rivela fondamentale ma la cosmetica e il mondo del beauty ci vengono in soccorso con dei prodotti anti luce blu da applicare quotidianamente per schermare la pelle del viso.

tecnologia luce blu

Prodotti anti luce blu

Esistono in commercio numerosi cosmetici che prevengono l’insorgenza del digital aging, contrastando gli effetti della luce blu sul nostro viso. Il siero Uriage Age Protect si rivela un valido alleato per contrastare ogni giorno non solo gli effetti della luce blu sulla pelle ma anche quelli dei raggi UV e dell’inquinamento.

uriage siero

Sul contorno occhi invece esistono più prodotti da poter applicare anti luce blu. Lierac propone il gel crema Dioptifatigue, che grazie all’azione dei peptidi leviga i segni del tempo sulle occhiaie. Il marchio Euphidra invece propone il suo gel idratante levigante anti luce blu in formato da 15 ml, da utilizzare anche se si ha la pelle delicata.

lierac

Per schermare adeguatamente la luce blu è però fondamentale applicare un trattamento in crema giornaliero. L’applicazione della crema permetterà infatti, come la protezione solare, di evitare i danni della luce proveniente dai device tecnologici. Un prodotto anti luce blu molto efficace è proposto da BioNike, che ha lanciato sul mercato la sua crema antirughe levigante. Il cosmetico è adatto soprattutto a chi ha una pelle delicata, sensibile e tendente agli arrossamenti. La crema Advanced Night Repair Eye Supercharged Complex di Estée Lauder invece agisce non sul fronte della prevenzione bensì sulla cura: apllicata di notte infatti ripara e contrasta i segni del digital aging.

estee lauder crema

Scritto da Megghi Pucciarelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Denise Esposito: tutto sulla fidanzata di Gigi D’Alessio

Nike collabora con Lidl per una linea di capi low cost

Leggi anche
  • make up trend primavera 2021Make-up: ecco i trend da seguire per la primavera-estate 2021

    Nella nuova stagione l’arma segreta per un trucco di tendenza è stupire con effetti neutri o originali.

  • lipstick index cosa èCos’è il lipstick index e come è cambiato ai tempi del Covid

    Cosa è il lipstick index, un indicatore delle vendite di rossetti che nei periodi di crisi subisce un’impennata: con il Covid però qualcosa è cambiato.

  • crema solareCrema solare per pelli sensibili: quale scegliere

    La crema solare per le pelli sensibili protegge dalle irritazioni e arrossamenti.

  • trend pericolosi tiktokTrend beauty pericolosi su TikTok: quali non replicare a casa

    Alcuni trend in voga su TikTok rivelano insidie e sono pericolosi: quali è meglio non fare a casa.

Contents.media