Photo Roulette: come funziona l’applicazione che sta spopolando

Photo Roulette è un'applicazione creata da tre ragazzi norvegesi che sta davvero spopolando. Come funziona?

Photo Roulette è un’applicazione che sta letteralmente spopolando e che potrebbe diventare un modo alternativo per trascorrere le festività natalizie. Come il nome ci suggerisce, questo giochino virtuale ha a che fare con le fotografie e con la roulette. Come funziona? Siete davvero certi che potrebbe essere un passatempo adeguato per le cene in famiglia o con gli amici?

Photo Roulette

Photo Roulette è un’applicazione che è stata sviluppata da tre ragazzi norvegesi e che nelle ultime settimane sta letteralmente spopolando. Attualmente, fra le app di giochi, è al primo posto in Olanda, Romania, Bulgaria, Irlanda, Francia e Finlandia e al secondo in Canada, Belgio, Estonia, Stati Uniti. In Italia è solo sedicesima, ma è in crescita. Pensate solo che, negli ultimi tre mesi, Photo Roulette è stata scaricata più di 9 milioni di volte. Insomma, un successo stratosferico che potrebbe raddoppiare nel periodo delle feste natalizie.

Perché? Semplice: è simile ad un gioco da tavola, con tanto di classifica, e coinvolge tutti quelli che hanno uno smartphone.

Come funziona?

Visto il grande successo di Photo Roulette, la domanda sorge spontanea: come funziona? Chi decide di dare il via a questo giochino virtuale può invitare fino a 49 giocatori tra i propri contatti e, soltanto dopo questo passaggio, ha inizio il match. Cosa fa l’app? Semplice, pesca a turno una delle migliaia di foto che abbiamo sullo smartphone e la mostra a tutti i partecipanti per cinque secondi.

Vince chi riconosce il proprietario dello scatto in questione. Si va avanti così, di fotografia in fotografia, con Photo Roulette che crea una classifica ad hoc. Stando ai commenti che si trovano in rete, l’applicazione sembra molto divertente, ma, ad essere sinceri, i rischi di poter rovinare amicizie e legami familiari sono molto alti.

I rischi di Photo Roulette

Photo Roulette non è la prima applicazione del genere che diventa virale. Dieci anni fa, aveva fatto scalpore ‘Chatroulette’. Creata da un adolescente russo, aveva regole molto simili: l’app apriva una video chat a caso e senza filtri con uno sconosciuto. Così come accadde con ‘Chatroulette’, anche con Photo Roulette ci sono dei rischi che non possono assolutamente essere sottovalutati. Anche se questa applicazione va ‘in scena’ tra amici e non c’è pericolo di imbattersi in qualche sconosciuto senza scrupoli, ci sono comunque delle cose da sapere prima di dare il via alle danze. Innanzitutto, siamo certi di voler condivedere il rullino del nostro cellulare con amici e familiari? Gli smartphone sono ormai diventati una specie di ‘seconda pelle’ e al loro interno c’è tutto il nostro mondo. Tra le tantissime fotografie che abbiamo potrebbero esserci screenshot di conversazioni ambigue, scatti imbarazzanti o immagini che avremmo dovuto cancellare da tempo ma che non abbiamo mai avuto il coraggio di fare. Come se non bastasse, accettando di giocare a Photo Roulette, il rullino dei nostri smartphone resterà sui server dell’app per ben 24 ore: ne vale davvero la pena? Ricordate il film ‘Perfetti sconosciuti’? Bene, volete davvero trasformare una serata tranquilla, in famiglia o con amici, in una battaglia all’ultimo scatto? A voi la scelta.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Giacomo Urtis: “Mi sono regalato una schiena nuova”

Flavia Pennetta, è nata la figlia: si chiama Farah

Leggi anche
  • pexels daan stevens 939328Una serata tra amici? Ecco come organizzarla!

    Molti amano ricevere ospiti in casa e organizzare serate all’insegna del divertimento e della spensieratezza con gli amici più fedeli, con cui condividere delle sane risate e qualche passatempo. Niente di meglio per allentare lo stress e rinsaldare i legami con le persone più care.

  • ordine restrittivo per Ricky martinOrdine restrittivo per Ricky Martin accusato di violenza domestica

    Ordine restrittivo per Ricky Martin: il cantante è stato accusato di violenza domestica. Per i legali della star, le accuse “sono false”.

  • donnemagazine betnero 1La relazione tra le donne e il gioco online

    Le abitudini dei giocatori possono differenziarsi in base a molti fattori, tra cui spiccano certamente età e genere.

  • application g407718a85 1920Come creare un CV per migliorare e avanzare nella tua carriera lavorativa

    La creazione di un cv non si ferma mai con la scrittura e la conclusione della “prima bozza”. E nemmeno dopo la seconda, terza o quarta: in altre parole, il curriculum vitae è un qualcosa che deve essere necessariamente in costante evoluzione.

Contents.media