Pesaro, errore nel cartellone pubblicitario di IES: “Al diploma ti accompagnamo noi”

Il popolo del web è insorto contro l’errore presente nello slogan del nuovo cartellone dell’Istituto di Istruzione privato “IES”.

Il popolo del web è insorto contro il nuovo cartellone dell’Istituto di Istruzione privato “IES”, affisso per promuovere la scuola con una nuova campagna pubblicitaria.

Pesaro, errore nel cartellone pubblicitario di IES: “Al diploma ti accompagnamo noi”

La nuova campagna pubblicitaria dell’Istituto d’istruzione privato “IES” riporta il seguente messaggio: “Stai sereno! Al diploma ti accompagnamo noi”.

La frase è stata scelta e stampata su uno dei grandi cartelloni che sono stati affissi per sponsorizzare la campagna pubblicitaria della scuola. In particolare, il cartellone incriminato che ha scatenato polemiche sul web è stato avvistato in prossimità del campus IES.

Nello specifico, gli utenti di Internet sono insorti sottolineando la presenza di un errore nella frase riportata sul manifesto: la vicenda è stata ampiamente ripresa e dibattuta sui social.

Pesaro, errore nel cartellone pubblicitario di IES: il refuso

L’errore che ha fomentato il moltiplicarsi di commenti sui social media ha riguardato il modo in cui il verbo “accompagnare” è stato coniugato alla prima persona plurale del presente indicativo.

Sul cartellone, infatti, è stato scritto “accompagnamo” al posto di “accompagnare”. Nonostante la grafia usata da IES sia ormai largamente diffusa, questa non può essere considerata effettivamente corretta. Utilizzare la forma “accompagnamo” in sostituzione di “accompagniamo” è sconsigliabile poiché la desinenza della prima persona plurale dell’indicativo presente è “-iamo”.

La forma corretta della prima persona plurale dell’indicativo presente del verbo “accompagnare”, quindi, è “accompagniamo”.

Pesaro, errore nel cartellone pubblicitario di IES: i commenti sui social

In relazione alla vicenda, alcuni utenti di Internet hanno commentato l’accaduto scrivendo commenti apparentemente neutrali come “Forse è una strategia di marketing?” o frasi più aggressive come “Un errore di questo tipo non è ammissibile, soprattutto se fatto da una scuola”. Altri ancora hanno rivendicato la correttezza di entrambe le forme, asserendo “Accompagnamo o accompagniamo è la stessa cosa”.

Sulla vicenda, si è espresso il dirigente di IES, Simone Dini, che ha ammesso l’errore, spiegando: “Non è grammaticale però è stata una svista”.

Scritto da Ilaria Minucci
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • PensioniCalderone sulle pensioni: “Prendiamo Quota 41 come riferimento”

    La ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, ha parlato dei prossimi interventi sulle pensioni: a riferimento Quota 41

  • Catherine DahmerCatherine Dahmer: chi era la nonna di Jeffrey Dahmer

    Catherine Dahmer era la nonna di Jeffrey Dahmer, serial killer e cannibale, di cui si è parlato anche nella famosa serie Netflix.

  • Sabrina MinardiVatican Girl: chi è Sabrina Minardi

    Sabrina Minardi è stata legata per ben dieci anni ad Enrico De Pedis, Boss della Banda della Magliana, conosciuto come Renatino.

  • Renatino De PedisVatican Girl: chi è Renatino de Pedis

    Enrico De Pedis, conosciuto come Renatino, è stato il boss della Banda della Magliana, ucciso nel 1990 a Campo de’ Fiori.

Contentsads.com