Notizie.it logo

Perché si ride durante un rapporto intimo?

perché si ride durante il sesso

Perché si ride durante il sesso? Le risposte possono essere diverse ma non c'è assolutamente nulla di cui preoccuparsi.

Perché si ride durante il sesso? I motivi possono essere molti, ma è sempre un buon segno. Ecco tutti i motivi per cui non bisogna assolutamente prendersela se, proprio sul più bello, uno dei due partner scoppia in una risata.

Perché si ride? Quali sono i benefici?

La risata è una reazione nervosa a stimoli che l’individuo riceve dall’esterno e tali stimoli possono essere di natura completamente differente. Si può ridere per qualcosa di buffo, si può ridere per nervosismo e imbarazzo, si può ridere perché si è felici e, assurdamente, in alcuni casi si può ridere anche perché ci si è appena fatti male.

Il ridere scatena nel cervello la produzione di endorfine. Questo ormone ha una potentissima azione rilassante e analgesica, in grado di alleviare il dolore (per qualche momento), allentare lo stress e migliorare l’umore.

Proprio in virtù del rilascio di endorfine la risata è quindi un momento piacevole e liberatorio, in grado di alleviare le piccole pressioni psicologiche quotidiane a cui siamo sottoposti e darci la cosiddetta “marcia in più” per affrontare momenti di piccolo e grande imbarazzo.

Naturalmente sono in molti a chiedersi perché si ride durante il sesso, che nell’immaginario collettivo dovrebbe essere uno dei momenti più piacevoli e allo stesso tempo più seri da passare in coppia.

Le risposte sono diverse e, se alcune di esse potrebbero risultare piuttosto “scomode” o “spiacevoli”, non è niente che non si possa superare con del sano dialogo.

Perché si ride durante il sesso?

Il rapporto sessuale ma più in generale l’intimità fisica con una persona è un momento molto complesso che coinvolge gran parte delle nostre energie fisiche ma anche gran parte di quelle emotive. Proprio per questa ragione, soprattutto quando si è nella fase dei primi approcci, una coppia si potrebbe trovare nella strana situazione in cui uno dei due scoppi a ridere durante apparentemente senza motivo.

Uno dei principali motivi per cui si ride durante un rapporto sessuale è quello più naturale: si ride perché è successo qualcosa di buffo o di divertente: magari uno dei due ha rischiato di cadere dal letto! In questo caso non c’è niente di meglio da fare che ridere insieme e ricominciare, dopo qualche minuto, esattamente da dove si è interrotto.

Anche l’imbarazzo può generare risatine nervose che potrebbero mettere la coppia in una situazione un po’ spiacevole.

In questo caso è strettamente necessario parlarne, in modo da chiarire cos’è successo e come si potrà evitare in futuro di creare di nuovo situazioni imbarazzanti. Anche in questo caso non c’è assolutamente da farne un dramma: l’imbarazzo è molto più frequente di quanto si pensi, soprattutto con un partner che si conosce da poco e con il quale non c’è stato ancora il tempo di costruire una solida intesa sessuale.

Ridere durante l’orgasmo

Molte donne piangono durante l’orgasmo: si tratta anche in quel caso di una reazione nervosa a sentimenti profondi e coinvolgenti, magari inaspettati. Per quanto gli uomini possano spaventarsi quando succede, si tratta di una reazione perfettamente naturale.

Allo stesso modo ridere durante l’orgasmo o appena dopo l’orgasmo è perfettamente naturale, sia da parte delle donne sia da parte degli uomini. Addirittura alcuni di loro “misurano” l’intensità dell’orgasmo e il piacere provato durante l’orgasmo in base a quanto forte ridono appena concluso.

Una situazione piuttosto paradossale, che può lasciare i partner piuttosto perplessi: basta tenere a mente che si tratta assolutamente di un buon segno e che non c’è proprio niente di cui preoccuparsi, al contrario!

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Olga Luce
Olga Luce, nata a Napoli nel 1982, è diplomata al liceo classico. Scrive di cronaca, costume e spettacolo dal 2014. Il suo motto è: il gossip è uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo (quindi tanto vale farlo bene)! Ha collaborato con Donnaglamour, Notizie.it e DiLei. Oggi scrive per Donnemagazine.it
Leggi anche