Omicidio Niccolò Ciatti, la Spagna sospende il processo per la morte

La Spagna ha sospeso il processo per la morte di Niccolò Ciatti, ucciso di botte in discoteca a Lloret de Mar nel 2017.

La Spagna ha sospeso il processo per la morte di Niccolò Ciatti, 21enne italiano ucciso di botte in discoteca a Lloret de Mar nel 2017. Per la sua morte sono indagati due ragazzi ceceni. 

Omicidio Niccolò Ciatti, la Spagna sospende il processo per la morte 

La Spagna ha sospeso il processo per la morte di Niccolò Ciatti, 21enne italiano ucciso di botte in discoteca a Lloret de Mar. Per la sua morte sono indagati due ragazzi ceceni. Rassoul Bissolultanov, esperto di arti marziali e di Mma, avrebbe sferrato un violento calcio alla testa al ragazzo, provocando la sua morte poco dopo in ospedale. La decisione di sospendere il processo che doveva iniziare il prossimo 26 novembre a Girona, è arrivata dopo che la Germania ha concesso l’estradizione in Italia del ceceno, su cui pesava un mandato di arresto europeo.

Omicidio Niccolò Ciatti: Bissolultanov arrestato in Germania

Il giovane, cittadino russo di origine cecena, in seguito alla scarcerazione del 17 giugno in Spagna, si era rifugiato in Germania, dove è stato arrestato il 3 agosto dalla polizia federale tedesca a Kehl, mentre passava il confine tra Francia e Germania. Anche nei confronti di Magomadov la procura di Roma aveva chiesto e ottenuto una misura cautelare in carcere, che era stata eseguita a Strasburgo.

La Francia, però, ha negato l’estradizione del giovane ceceno, con la motivazione del processo pendente in Spagna. Il ragazzo è stato rimesso in libertà. 

Omicidio Niccolò Ciatti: le parole del papà

La nostra speranza più grande è che vengano processati al più presto, perché in tutti questi anni la Spagna ha solo perso tempo e si è dimostrata incapace di portare davanti ad un giudice chi ha ucciso mio figlio” ha dichiarato Luigi Ciatti, il papà di Niccolò, la sera dell’arresto. 

Scritto da Chiara Nava
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • PensioniCalderone sulle pensioni: “Prendiamo Quota 41 come riferimento”

    La ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, ha parlato dei prossimi interventi sulle pensioni: a riferimento Quota 41

  • Catherine DahmerCatherine Dahmer: chi era la nonna di Jeffrey Dahmer

    Catherine Dahmer era la nonna di Jeffrey Dahmer, serial killer e cannibale, di cui si è parlato anche nella famosa serie Netflix.

  • Sabrina MinardiVatican Girl: chi è Sabrina Minardi

    Sabrina Minardi è stata legata per ben dieci anni ad Enrico De Pedis, Boss della Banda della Magliana, conosciuto come Renatino.

  • Renatino De PedisVatican Girl: chi è Renatino de Pedis

    Enrico De Pedis, conosciuto come Renatino, è stato il boss della Banda della Magliana, ucciso nel 1990 a Campo de’ Fiori.

Contentsads.com