Aperto il museo della vagina: le informazioni

Il Museo della Vagina è il rivoluzionario progetto di una regista inglese: aperto da pochissimo a Londra.

Il Museo della Vagina esiste: è stato aperto a Londra grazie alla caparbietà di Florence Schechter, una regista che ha deciso di battersi in maniera assolutamente fuori dagli schemi per cancellare finalmente i tabù che nel XXI secolo l’umanità continua a edificare, consolidare e diffondere in merito all’organo riproduttivo femminile.

Ecco dove è stato aperto il museo, cosa vi è stato esposto e come si raggiunge.

Il Museo della Vagina: il museo che mancava

In Islanda esiste da anni ed è attualmente attivo un museo dedicato al pene. In altri paesi del mondo esistono veri e propri Musei dell’Erotismo, che raccolgono testimonianze artistiche e storiche che hanno come filo conduttore la vita sessuale dell’umanità nelle varie culture e nelle varie epoche.

In nessuno dei due casi alla vagina viene concesso un posto d’onore. Nel museo islandese è semplicemente esclusa dal percorso espositivo, nei musei dell’erotismo viene mostrata semplicemente come oggetto del desiderio o complemento dell’organo sessuale maschile.

La regista Florence Schechter ha troato inammissibile questo stato di cose e nel 2017 lanciò il crowfunding che nel giro di due anni ha permesso di concretizzare un progetto dal grande spessore storico e antropologico, che si concentra principalmente sulle implicazioni culturali che stanno dietro ogni rappresentazione di una vagina.

L’obiettivo è abbattere il tabù, invitare i visitatori (e soprattutto le visitatrici) a vivere con più naturalezza e consapevolezza il rapporto con il corpo femminile.

Eventi e souvenir a tema

Oltre alla mostra permanente, che raccoglie opere artistiche e manufatti di ogni tipo, il Museo della Vagina ospita regolarmente eventi culturali sulla storia del movimento femminista e comprende un gift shop assolutamente particolare: tutti i pensierini e i souvenir messi in vendita sono esclusivamente a tema vagina.

L’organo sessuale femminile è riprodotto su tazze, portachiavi e cuscini, è dipinta, stampata su tela e addirittura riprodotta con con minuziosi e precisi lavori all’uncinetto.

Come visitare il Museo della Vagina a Londra

Il Museo della Vagina si trova nella zona di Camden Market: l’indirizzo da cercare sul navigatore o sulle mappe è Unit 17 & 18 Stables Market, Chalk Farm Rd, London.

Il Museo della Vagina è aperto dal Lunedì al Sabato dalle 10:00 alle 18:00 mentre la Domenica apre dalle 11:00 alle 18:00. Come in ogni museo, l’entrata dell’ultimo visitatore è prevista circa un’ora prima della chiusura della struttura, cioè alle 17:15.

L’entrata è libera, quindi non c’è alcun biglietto da pagare e il Museo si sostiene dal punto di vista economico soltanto attraverso la vendita dei souvenir: comprare qualcosa allo shop diventa quasi un obbligo morale!

Attualmente le responsabili del Museo sono impegnate nell’ottenere dei permessi permanenti per l’utilizzo dei locali del Museo, quindi c’è purtroppo la possibilità che l’iniziativa naufraghi tra qualche anno. Il modo migliore per sostenerla è far girare la voce e recarsi di persona a vedere il Vagina Museum non appena ci si troverà a passare da Londra.

Scritto da Olga Luce
1 Comment
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
royB
10/04/2020 16:58

e da non perdere l’unico museo erotico italiano a Milano interno a noto Dungeon Sadomaso che si puo’ utilizzare il Dungeon Terapya. Erotic Museo raccoglie attrezzi e oggettistica erotico-fetish dal medioevo a oggi, da non mancare…

Cristiano Ronaldo e Georgina, matrimonio segreto: l’indiscrezione

Gabriel Garko racconta: “Un uomo tentò di abusarmi”

Leggi anche
  • kasia lenhardt morta indagato boatengKasia Lenhardt trovata morta in casa: indagato Boateng per violenza

    Jerome Boateng è indagato per violenza fisica sull’ex fidanzata e modella Kasia Lenhardt, trovata morta suicida lo scorso 9 febbraio.

  • francia assorbenti gratisFrancia, assorbenti gratis da settembre per tutte le studentesse

    Con l’avvio del nuovo anno scolastico, migliaia di studentesse francesi troveranno assorbenti gratis nelle università e residenze studentesche.

  • donne dirigenti nel mondoDonne dirigenti nel mondo: nel 2021 in aumento ma non in Italia

    I risultati emersi dalla ricerca “Women in business 2021” parlano chiaro: le donne dirigenti sono in aumento ma rimangono ancora troppo poche.

  • Eldina Jaganjac chi èChi è Eldina Jaganjac, la ragazza che ha sfidato i canoni di bellezza

    La trentunenne danese Eldina Jaganjac dal marzo 2020 ha smesso di depilarsi e invita tutte le donne a liberarsi dalle costrizioni sociali.

Contents.media