mike archer e la dieta vegetariana

Mike Archer è un ricercatore australiano che ha pubblicato un articolo sostenendo che “seguendo la dieta vegetariana e vegana vengono uccisi più animali rispetto a quelli uccisi per seguire una dieta onnivora”.

Alla base dei suoi studi c’è la convinzione che “alcuni animali tipicamente da “carne” (in prevalenza bovini e canguri) che vengono allevati allo stato brado si alimentano soprattutto di vegetali che l’uomo non metterebbe mai nel suo piatto”.

In parole semplici, per Archer, gli animali pascolerebbero serenamente e troverebbero la morte solo al momento della macellazione.

Per produrre alimenti vegetali, sempre secondo il ricercatore, si dovrebbe alterare l’ambiente, utilizzando tecniche di coltivazione invasive.

L’articolo di Archer ha provocato reazioni e dibattiti tra animalisti e non.

I confronti hanno portato all’elaborazione di piramidi alimentari contrapposte.

Punto caldo delle discussioni è quello legato alla produzione degli alimenti di origine animale.

Archer ha calcolato che dallabbattimento di un bovino cresciuto al pascolo si riesce a ottenere una carcassa di circa 288 Kg.

Una volta disossata, la carcassa è in grado di rendere il 68% di carne, che al 23% di proteine è pari a 45kg di proteine per animale ucciso.

Con un semplice conto,vuol dire che per ottenere 100 kg di proteine animali utilizzabili serve abbattere 2,2 animali.

Scritto da Valeria Abate
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Scorcio di una donna

musei aperti in italia

Leggi anche
  • kasia lenhardt morta indagato boatengKasia Lenhardt trovata morta in casa: indagato Boateng per violenza

    Jerome Boateng è indagato per violenza fisica sull’ex fidanzata e modella Kasia Lenhardt, trovata morta suicida lo scorso 9 febbraio.

  • francia assorbenti gratisFrancia, assorbenti gratis da settembre per tutte le studentesse

    Con l’avvio del nuovo anno scolastico, migliaia di studentesse francesi troveranno assorbenti gratis nelle università e residenze studentesche.

  • donne dirigenti nel mondoDonne dirigenti nel mondo: nel 2021 in aumento ma non in Italia

    I risultati emersi dalla ricerca “Women in business 2021” parlano chiaro: le donne dirigenti sono in aumento ma rimangono ancora troppo poche.

  • Eldina Jaganjac chi èChi è Eldina Jaganjac, la ragazza che ha sfidato i canoni di bellezza

    La trentunenne danese Eldina Jaganjac dal marzo 2020 ha smesso di depilarsi e invita tutte le donne a liberarsi dalle costrizioni sociali.

Contents.media