Meghan e Kate, gli abiti di nozze a confronto

Kate Middleton e Meghan Markle a confronto. Qual è l'abito da sposa più bello? Vediamo che dice il web.

Due matrimoni, quello di Kate e quello di Meghan, all’apparenza molto simili, ma diversi per l’abito da sposa scelto. Nelle ultime ore il web è diviso: meglio lo stile scelto da Kate Middleton o quello di Meghan Markle? Entrambe molto eleganti e bellissime, ma vediamo nello specifico in cosa differiscono.

L’abito di Kate

L’abito da sposa di Kate Middleton è stato studiato alla perfezione da Sarah Burton, direttore creativo di Alexander McQueen. Era il 2011 quando Kate sposò il suo bel Principe William e l’abito scelto fece impazzire il mondo intero. Un vestito studiato fin nei minimi dettagli: un connubio tra i tessuti e le lavorazioni del pizzo tradizionale e una struttura e un design moderno. La stessa Sarah Burton dichiarò: “Abbiamo voluto guardare al passato così come al futuro.

Ci sono molti riferimenti alla corsetteria Vittoriana: i fianchi imbottiti, la vita stretta; ma anche riferimenti alle arti e all’artigianalità con tutta la lavorazione a mano del pizzo applicato al’abito e il sellino dietro inserito per dare forma. Ha l’essenza di un abito Vittoriano ma tagliato in un modo moderno, realizzato in un tessuto molto leggero; anche le pieghe inserite vogliono creare un tono moderno piuttosto che un pezzo storico.

Di fatto credo volessimo ottenere qualcosa di incredibilmente bello e lavorato in modo complesso. Occorre tenere conto che le nozze erano alla Westminster Abbey, quindi l’abito doveva garantire una certa presenza e un’importanza storica, il tutto rimanendo moderni al tempo stesso. Questa era l’idea”. Possiamo affermare che la bellezza dell’abito da sposa di Kate lasciò senza fiato: realizzato in satin e gazar di seta e impreziosito da numerosi applicazioni in pizzo di diverso tipo. Quest’ultimo venne realizzato dalle ricamatrici della Royal School of Needlework di Londra, con base a Hampton Court Palace, che vennero addirittura tenute, nei mesi precedenti, all’oscuro della destinazione del proprio lavoro. Da alcune interviste di qualche anno fa, risulta che le ricamatrici dovevano cambiare ago ogni tre ore e lavarsi le mani ogni mezz’ora, utilizzando per il ricamo una tecnica inventata in Irlanda nel 1820, chiamata Carrickmacross. Questa tecnica prevede l’utilizzo, nei decori, dei simboli di ogni paese del Regno Unito: la rosa per l’Inghilterra, il cardo per la Scozia, il narciso per il Galles e il trifoglio per l’Irlanda del Nord. Infiniti sono i dettagli dell’abito da sposa di Kate, come i 58 bottoni del corpetto o la forma della gonna che va a formare un fiore. Che dire? Un abito che rimarrà nella storia e che venne, tra l’altro, esposto nella mostra allestita a Buckingham Palace dal 23 Luglio al 3 Ottobre 2011 con il titolo The Royal Wedding Dress: A Story of Great British Design. Ora, veniamo al vestito di Meghan Markle. Come avrebbe potuto tener testa all’abito di Kate?

Kate

L’abito di Meghan

L’abito da sposa di Meghan Markle è stato disegnato dall’artista londinese Clare Waight Keller, direttrice artistica della griffe francese Givenchy. Un abito bianco puro, con una scollatura a barca che lascia le spalle scoperte. Un segno di modernità e di cambiamento di per sé evidente. Maniche lunghe a ¾, corpetto super clean e un punto vita ben segnato per un tessuto in cady di seta. Il vestito si potrebbe definire estremamente minimal, ma il tocco di classe è nel velo. Questo rappresenta la flora caratteristica di ciascuno dei 53 paesi del Commonwealth: un bouquet molto simbolico, per lo stesso volere della sposa. Meghan ha scelto di inserire due ulteriori fiori: un calicanto d’inverno e un papavero della California. Il primo rappresenta il cottage di Kensington Palace, suo nido d’amore con il bel Principe, mentre l’altro è per non dimenticare le sue origini. Il ricamo dei fiori, in fili di seta e organza, è stato realizzato dalle stesse sarte che ha utilizzato Kate e con gli stessi obblighi: lavaggio mani e cambio aghi. Ecco, forse questa è l’unica cosa che i due abiti da sposa hanno in comune. La stessa direttrice artistica, Clare Waight Keller, ha dichiarato: “È davvero un onore avere avuto l’opportunità di collaborare strettamente con Meghan Markle in un’occasione così straordinaria: come designer britannica in una casa di alta moda parigina, e per conto di tutti noi di Givenchy, che siamo stati in grado di sperimentare un così straordinario processo di creatività, sono estremamente orgogliosa di ciò che abbiamo realizzato e grato a Meghan Markle, al Prince Harry e a Kensington Palace per averci permesso di far parte di questo capitolo storico”. Tornando alla domanda iniziale: qual è stato l’abito più bello? La bellezza di Kate e Meghan è palese, così come la loro eleganza e raffinatezza, ma il premio “abito più bello”, almeno per le preferenze web, va a Kate Middleton.

Meghan

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Meghan Markle: spunta la foto a Buckingham di 22 anni fa

Georgette Polizzi: “Il mio ritorno alla vita”

Leggi anche
  • chi era carlo betocchiChi era Carlo Betocchi: storia del poeta italiano

    Carlo Betocchi, il poeta piemontese dalla linea poetica distinta e particolare nel suo genere.

  • chi era edouard manetChi era Edouard Manet: storia del pittore francese

    Eduard Monet e il suo rapporto con la pittura tra passato, realismo e impressionismo.

  • ghemon chi eChi è Ghemon: biografia e curiosità sull’artista

    La sua passione per la scrittura lo ha portato ad avvicinarsi al mondo della musica: chi è Ghemon e perché il suo stile è così innovativo.

  • max gazze chi eChi è Max Gazzè: biografia e carriera del cantautore romano

    Sperimentatore, poeta e visionario: chi è Max Gazze, l’artista romano che porta alta la bandiera del cantautorato italiano.

Contents.media