L’addio al porno di Jenna Jameson, moglie e mamma felice

«Non voglio che i miei figli crescano dovendo vergognarsi del mio lavoro, Non voglio che dicano ‘Ecco mia mamma è una star dell’hard’. Voglio invece che un giorno possano dire ‘Mamma ci ha voluto così bene da lasciare tutto per noi’».

A parte il rubare le battute a Pamela Anderson, non è la prima volta che Jenna Jameson, una delle pornostar più famose al mondo, rilascia dichiarazioni come questa. Stavolta però l’attrice 36enne, madre di due gemelli e felicemente innamorata del compagno Tito Ortiz, sembra (?) fare sul serio.

Non solo: la Jameson ama così tanto la sua nuova vita da mamma con il passeggino, da non voler posare più nemmeno per riviste o calendari.

Bene. Ora due considerazioni.

Primo: annunci simili mi ricordano tutte le volte che i Rolling Stones (no, no, non picchiatemi! Giuro, non paragono più una pornostar a una delle più grandi rockband di tutti i tempi!) hanno dichiarato «Questo sarà il nostro ultimo tour». Dopo un po’ di volte non ci crede più nessuno.

Secondo: dato il cotanto materiale analogo che c’è in giro, se la cara Jenna smette di lavorare ce ne faremo tutti una ragione.

Qui sotto alcune foto della Jameson (clicca sulle immagini per ingrandirlefoto Lapresse).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com