La vita è meravigliosa con il Legend Film Festival: prossimi appuntamenti

Ci sono certi film che, almeno una volta nella vita, andrebbe visti, magari in compagnia di persone speciali. Alcuni di questi ci vengono riproposti a scadenze fisse, come ricordavamo nel post sui film natalizi. Uno di questi è sicuramente “La vita è meravigliosa”, opera di Frank Capra del 1946 che è ormai assunto a classico dai buoni sentimenti.

Dato che il sottoscritto, colpevolmente, non aveva mai avuto modo di gustare questo piccolo gioiello, ho pensato bene di andare lunedì allo spettacolo delle 20 al cinema Arcobaleno di Milano, esercizio nel quale, a intervalli regolari, si sta svolgendo il Legend Film Festival. Questo appuntamento col cinema del passato, ma è meglio dire col cinema “consacrato”, è organizzato dalla Nexo Digital, casa di distribuzione cinematografica che ha ben pensato di rimasterizzare in digitale 2k e in Audio Dolby Digital 5.1 parte del proprio prestigioso catalogo.

Attenti al cine ci aveva già parlato dell’iniziativa, in occasione della programmazione di “Ritorno al futuro” e “Jesus Christ Superstar”.

Del film in sé non dirò tantissimo, soprattutto perché penso sia universalmente conosciuto; in caso contrario consiglio vivamente di recuperarlo in sede privata. Vorrei solo commentare la generica diceria che lo vede come un film di buoni sentimenti, zuccheroso e ottusamente conservatore: in realtà i valori messi in gioco da Frank Capra, e incarnati magistralmente da James Stewart, sono in conflitto tra di loro e questo conflitto non viene mai risolto in maniera plateale per tutta la durata della pellicola, se non nel finale, ma in maniera particolarmente spedita.

L’insoddisfazione di George Bailey per la propria vita spesa al servizio degli altri, il dissidio interiore che vive tra il dovere e il proprio desiderio di crescita personale, tra la necessità di vivere per la comunità e la libertà dai vincoli civili rimangono delle questioni irrisolte, ma rappresentata fedelmente e con fedele attenzione alle dinamiche psicologiche. Il film quindi non è l’apologo moralistico che si crede, ma una riflessione seria e a tratti spietata della relazione tra vita pubblica e vita privata.

L’iniziativa culturale della Nexo (sul cui sito si possono verificare i vari appuntamenti in tutta Italia) è sicuramente da supportare, anche da un punto di vista strettamente cinefilo: lo splendore delle immagini, la grana perfettamente levigata, il suono netto e pulito sono tutti elementi che fanno la gioia di chi ama il cinema!

Per quanto riguarda i prossimi film in programma, eccovi i link ai siti del cinema Ariosto e dell’Arcadia di Melzo. Ci sono perle come Irma la dolce, Edward mani di forbice e Psycho. Non perdetele!

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

  • Lance KerwinChi era Lance Kerwin: tutto sull’attore de La casa nella prateria

    È scomparso all’età di 62 anni l’attore de La casa nella prateria e Le notti di Salem: Lance Kerwin, noto attore di fama mondiale, era assai conosciuto

  • Maneskin matrimonioI Maneskin si sono detti “sì” in total white: i look della rock band

    I Maneskin si sono sposati: la rock band romana ha deciso di promuovere il nuovo disco unendosi in matrimonio. I look, ovviamente, sono pazzeschi.

  • Messina DenaroL’orologio di Messina Denaro: ecco il prezzo dell’accessorio di lusso

    L’ultimo boss di Cosa Nostra è stato finalmente arrestato: Matteo Messina Denaro, dopo 30 anni di latitanza, ha finito la sua fuga, fatta di agi e di lusso

Contentsads.com