Chi è Kia Damon, dalla passione per il cibo alla lotta per i diritti

Kia Damon, chef autodidatta americana, utilizza il suo amore per la cucina come strumento per la lotta sociale in favore delle comunità Black e LGBTQ+.

Sostenitrice della comunità Black e LGBTQ+, prima direttrice culinaria della rivista Cherry Bombe e, soprattutto, imprenditrice. Kia Damon è diventata famosa a 24 anni per essere stata promossa a capo chef di Lalito nella Chinatown di Manhattan e, poco dopo, per aver co-fondato Auxilio Space, uno spazio alimentare senza scopo di lucro che offre supporto e lavoro per le comunità queer, trans, nere e indigene di New York City.

Che dire, cibo e attivismo che vanno a braccetto.

Chi è Kia Damon

Kia Damon è una chef autodidatta. Nata nel 1993 e cresciuta in una grande famiglia a Orlando, in Florida, Damon si è ritrovata in cucina in tenera età e quello che non ha imparato a cucinare insieme a sua nonna, l’ha imparato guardando Bobby Flay e Iron Chef. Nel frattempo, dopo essersi diplomata alla Edgewater High School nel 2012, si è trasferita a New York per diventare chef a Manhattan, a cui è seguito un lavoro come executive chef al ristorante Cali-Latin Lalito di Chinatown a soli 24 anni.

Tutti questi traguardi non sono stati indolori però. Damon confessa di essere stata molestata sessualmente da un membro dello staff e soggetta a razzismo, omofobia e misoginia.

Nel giugno del 2019 ha lasciato questo lavoro e pochi mesi dopo ha vinto un episodio di Chopped, andato in onda nell’agosto 2020. Grazie al denaro vinto, 10mila dollari, e al successo della vittoria, nello stesso mese ha fondato Kia Feeds The People, un’organizzazione no profit che mira a fornire ai Black Brooklynites pasti caldi.

Vivendo a Bed-Stuy, Brooklyn, una comunità storicamente nera, si vedono gli effetti dell’apartheid alimentare. A volte è davvero difficile da guardare, quindi volevo assicurarmi di prendermi cura della mia comunità

kia damon chi è

Leggi anche: Chi è Elisa Pagliarani, la general manager di Glovo Italia

Kia Damon fonda Auxilio Space

Ma non è finita qui perché poco dopo lei, Zacarías González e Mohammed Fayaz hanno lanciato Auxilio Space, uno spazio alimentare senza scopo di lucro incentrato sulla comunità, orientato a fornire servizi, supporto e lavoro per le comunità queer, trans, nere e indigene di New York City. Lo spazio ospita anche il suo programma Kia Feeds The People, che fornisce prodotti freschi e da dispensa alle comunità di colore di Brooklyn.

Tutte le persone coinvolte sono gay, lesbiche, non binarie. La missione è affrontare la fame all’interno della comunità, che è qualcosa di cui non parliamo davvero anche se l’ho sperimentato io stessa.

Il 2020 per Kia Damon è stato l’anno delle più grandi soddisfazioni. L’anno scorso infatti è stata nominata direttrice culinaria della rivista Cherry Bombe dove gestisce una cucina di prova e ospita uno spettacolo dal vivo su Instagram, On the Line, dove dà spazio al lavoro di chef contemporanei. Proprio grazie al social network, Damon condivide le sue esperienze e parla di temi di attualità ricordando gli ostacoli che ha dovuto superare, le aggressioni e i problemi psicologici che ha avuto. Il suo attivismo si è trasformato in sostegno anche per le lotte in occasione del Black Lives Matter e, con la sua associazione, cerca ogni giorno di affrontare l’insicurezza alimentare e creare opportunità di lavoro legate al cibo per le persone queer e trans di colore. Nel 2021 è entrata nella classifica di Forbes Under 30 “Food & Drink”.

Leggi anche: Cos’è la povertà mestruale, quando avere il ciclo diventa un lusso

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Gianluigi Martino attacca Valeria Marini: “Pesa 84 Kg”

Zero su Netflix: il cast e la trama della nuova serie tutta italiana

Leggi anche
  • chi era fritz langChi era Fritz Lang: tutto sul regista austriaco

    Fritz Lang e il grande successo come regista nel XX secolo grazie a pellicole come “Metropolis”.

  • Chi era Calamity JaneChi era Calamity Jane: storia della prima donna pistolero

    Ribelle, oltraggiosa e anticonvenzionale. Questi gli aggettivi che descrivono Calamity Jane, la prima donna pistolero della storia.

  • Chi era Franca ValeriChi era Franca Valeri: vita dell’attrice italiana

    Franca Valeri e la sua lunga carriera nel mondo dello spettacolo debuttando a teatro e ottenendo grande successo anche al cinema e in tv.

  • Chi era Marcel DuchampChi era Marcel Duchamp: tutto sull’artista del XX secolo

    Marcel Duchamp e il successo nel XX secolo come grande artista contemporaneo.

Contents.media