Isola ecologica: Lampedusa

L’attenzione per l’ambiente, e per un corretto smaltimento dei rifiuti tossici, si sta diffondendo sempre più come buona pratica sia nell’ambito urbano, attraverso l’abitudine di effettuare la raccolta differenziata, ma anche in altri settori, meno pubblicizzati ma altrettanto importanti.

Ad esempio, non tutti sanno che uno dei principali motivi di inquinamento dei mari sono gli oli esausti, quelli usato in ambito nautico e portuale. Purtroppo la maggior parte delle volte questi lubrificanti, che causano gravissimi danni alla flora ed alla fauna marina,vengono sversati in mare in modo illecito.

Per cercare di fronteggiare questo fenomeno, e creare invece un movimento inverso, nel mese di luglio, al porto di Lampedusa, è stato inaugurato un punto di raccolta, che diventerà operativo proprio in questi giorni.

L’iniziativa è stata possibile dalla collaborazione nata tra il comune di Lampedusa, Legambiente e il COOU, il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati.

In questa isola ecologica si potranno conferire circa 1.000 litri di olio usato l’anno, e si intende anche attivare un punto di raccolta per le batterie esauste.

Scritto da Cristina Marziali
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Camminare per ricaricare lo smartphone

Vacanze ecologiche: in barca a vela

Leggi anche
  • attiviste-donne-da-seguireGiovani attiviste donne da seguire sui social

    4 imperdibili profili da seguire per accogliere e rimanere aggiornati sulle campagne di giovani attiviste che hanno a cuore il tema green!

  • razzismo europeiRazzismo e LGBTQ+ agli Europei: da #takingtheknee alla fascia di Neuer

    Razzismo, comunità LGBTQ+ e discriminazioni agli Europei: numerosi episodi hanno suscitato le polemiche dell’opinione pubblica.

  • vaticano contro ddl zanVaticano contro il ddl Zan: la Santa Sede rompe il silenzio

    Il progetto di legge contro l’omotransfobia non è conforme con il Concordato tra Italia e Santa Sede, questo è quanto dichiara la Santa Sede in una nota all’ambasciata italiana

  • pandemia bambine mutilazioni genitaliPandemia e mutilazioni genitali: aumentano i casi sulle bambine

    Nei Paesi del Terzo mondo i casi di mutilazioni genitali alle bambine sono sensibilmente aumentati con la pandemia di Coronavirus.

Contents.media