Grande Fratello: Endemol difende il reality dalle polemiche

Il Grande Fratello difeso a spada tratta dalla Endemol, che non sembra prendere nemmeno in considerazione l'idea di chiudere il reality.

Il Grande Fratello difeso dalla Endemol, la casa di produzione che da sempre cura il format in Italia. La Endemol ha voluto far sentire la propria voce nel momento in cui gli scandali e le richieste di chiusura dello show stanno diventando un problema di non semplice gestione.

La D’Urso e il suo staff hanno ancora dalla Endemol tutto l’appoggio possibile. Quanto durerà?

Endemol difende il Grande Fratello

Il problema del Grande Fratello come di tutti gli altri reality, secondo la Endemol, è che le persone lo guardano essendo preda di troppi pregiudizi. Endemol, la cui visione dei fatti è certamente condivisa con lo staff della D’Urso e naturalmente con la D’Urso stessa, sostiene che si dovrebbe guardare il programma per quello che è, ovvero un contenitore di personaggi e di storie interessanti.

La Endemol quindi non intende rigettare la definizione di trash, come talvolta Carmelita ha tentato di fare, ma spera in qualche modo che il pubblico riesca ad andare oltre l’etichetta e a percepire lo sforzo che è stato fatto dai curatori di questa edizione per offrire un intrattenimento degno di essere guardato.

Proprio nel nome del trash e dell’intrattenimento quindi fin dalla sua primissima apparizione sugli schermi televisivi italiani il Grande Fratello ha dovuto alimentarsi di provocazioni per mantenere sempre alta la curiosità e l’interesse del pubblico.

La domanda è solo una: fino a dove è lecito spingersi pur di “provocare”?

Le responsabilità verso i telespettatori

Naturalmente il portavoce di Endemol, Andrea Palazzo, che ha rilasciato una lunga intervista al settimanale Oggi, ha anche precisato che per quanto si posta prestare attenzione alla selezione dei concorrenti, le loro reazioni all’interno della casa e i loro comportamenti in generale non sono completamente prevedibili (e questo è in realtà il bello del reality), quindi per quanto la produzione dello show debba necessariamente prendersi la responsabilità di quello che va in onda, sono prima di tutto i concorrenti a essere responsabili delle proprie azioni.

Come ha sottolineato la D’Urso l’espulsione di Baye Dame e Luigi Favoloso è servita proprio a dare un segnale forte ai telespettatori, cioè che il programma intende innanzitutto rispettare la sensibilità di coloro che ne fanno parte e che lo guardano.

Le richieste di chiusura

Le dichiarazioni di un responsabile Endemol arrivano a seguito del gravissimo esposto della Codacons con cui il coordinamento delle associazioni dei consumatori ha chiesto contemporaneamente alla Mediaset e all’Agcom la chiusura del programma, definito come una “discarica della televisione”, altamente diseducativo e inadatto a un pubblico di giovani.

A questo coro si è unito anche il Moige, il quale prima ancora dell’esposto del Codacons, si era espresso in termini molto duri nei confronti del reality e soprattutto dei suoi protagonisti affetti da chiari disturbi psicologici sui quali la trasmissione aveva deciso di costruire il suo audience.

Se Mediaset non si è ancora pronunciata in via ufficiale, Endemol ha stabilito di dare la propria visione dei fatti e di farlo pubblicamente. Pare che di chiudere il programma non se ne parli nemmeno, con buona pace dei telespettatori indignati, dei consumatori organizzati e dei genitori italiani.

Scritto da Olga Luce
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Davor Luksic il marito di Cristel Carrisi

Dolcenera fa la cover di “MMmh Ha Ha Ha” di Young Signorino

Leggi anche
  • fabio cantelli chi èChi è Fabio Cantelli, dalla carriera come scrittore a San Patrignano

    Fabio Cantelli è uno dei protagonisti della docu-serie Netflix SanPa, nella comunità aveva vissuto 10 anni sia come ospite che come collaboratore.

  • revenge porn maestra torino licenziata direttriceRevenge porn maestra di Torino licenziata: condanna per la direttrice

    Maestra d’asilo di Torino vittima di revenge porn nel 2018: richiesta la condanna per la preside che l’aveva licenziata e per una mamma.

  • pubblicità nuvenia codice media e minoriLa pubblicità Nuvenia ha infranto il codice media e minori: i motivi

    Lo spot “Nuvenia – Viva la vulva” è stato giudicato inadatto a un pubblico di minori, ma perché tanto scalpore su alcuni fenomeni legati alle donne?

  • aumento richiesta divorzio dopo il lockdownCoronavirus, aumento richiesta di divorzio dopo il lockdown: i dati

    Boom di richiesta di divorzio e di chiamate ai centri antiviolenza: il lockdown ha avuto effetti non trascurabili anche sui nuclei familiari.

Contents.media