Gianna Nannini, le foto incinta su Vanity Fair: ‘Ti chiamerò Penelope’


Ti chiamerò Penelope
. Così titola la copertina del prossimo numero di Vanity fair, in edicola da domani (mercoledì 17 novembre 2010). Una cover in cui la rocker Gianna Nannini rompe il silenzio sulla sua tanto discussa gravidanza, in una lettera che scrive direttamente alla figlia.

«Ti chiamerò Penelope perché mi hai aspettato tanto prima di nascere. Hai aspettato che fossi pronta. Per tre volte non lo sono stata, ma oggi lo sono. Tu, il più grande amore della mia vita, arrivi dopo il dolore profondo e lo shock. Ma ci ho creduto pienamente, e ho sentito la forza per riuscirci, e ti ho desiderata così tanto che oggi, mentre ti scrivo, ti ho dentro di me».

Parole toccanti, lontane dalle polemiche sulla presenza o meno di un padre per questa bambina (ma è poi così importante che ci sia?), e che la Nannini riporta anche sul suo sito ufficiale.

La foto di copertina è stata scattata da Jean-Baptiste Mondino, fotografo e regista di videoclip per Madonna, Tom Waits, Prince e David Bowie: la Nannini posa con il pancione coperto da una maglietta con la scritta “God Is A Woman”.

«Dio è donna. Lo capirai presto e lo capiremo insieme», è un’altra delle frasi contenute nella lettera.

Qui sotto alcune foto della Nannini (clicca sulle immagini per ingrandirlefoto Lapresse).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com