come preparare i bambini ai terremoti

L’esperienza del terremoto è un’esperienza traumatica per tutti.
A subirla maggiormente, sono i bambini che – magari a scuola e quindi lontani dall’abbraccio di mamma e papà – si trovano spaesati e impotenti di fronte alla furia della terra.

Preparare i bambini ad affrontare il terremoto è una “scuola” che deve essere fatta.

I bambini devono sapere, ovunque si trovano e con chiunque si trovino, cosa devono fare appena sentono la terra tremare e gli allarmi del terremoto suonare.

La prima cosa da insegnare al bambino è la preziosa vicinanza delle forze dell’ordine pronte ad aiutare in caso di bisogno. Bisogna spiegare che i vigili del fuoco, la croce rossa, i medici e la protezione civile sono persone addestrate per aiutarci e per proteggerci in caso di difficoltà.

Advertisements

Il secondo consiglio è quello – mentre si spiega – usare parole semplici e frasi brevi.

Poi, magari anche sotto forma di gioco, si devono spiegare – accertandosi che il bambino abbia capito e ricordi – tutte le norme salva vita in caso di terremoto.

Le più importanti: non avvicinarsi mai a finestre e mobili, od oggetti che potrebbero ferire, mai uscire sul balcone, ripararsi sotto tavoli o stipiti della porta.

Scritto da Valeria Abate
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Anna Popova: niente è impossibile

parco nazionale della sila

Leggi anche
  • baby sitterCome trovare la baby sitter perfetta: i consigli

    La baby sitter perfetta esiste: tutti i consigli utili su come trovare quella più adatta ai vostri bambini.

  • mamme lesbicheMamme lesbiche, come vive una famiglia omogenitoriale

    Cosa vuol dire vivere in una famiglia omogenitoriale e che tipo di vita sociale possono avere queste persone? Scopriamolo meglio.

  • disabileAbbandona il figlio disabile

    Abbandona il figlio disable: 17 anni dopo il riscatto del piccolo Gabe. Dal Brasile allo Utah grazie ad una foto vista quasi per caso

  • 
    Loading...
  • georgia tannGeorgia Tann rubò ai poveri 5000 bimbi per darli ai ricchi

    Georgia Tann, tra gli anni ’20 e gli anni ’50, rubò più di 5000 bambini ai poveri per venderli alle famiglie ricche.

Contents.media