Coefficiente emotivo: Ecco i test che ci svelano come siamo

>Che cosa è il Coefficiente emotivo (CE)?

È un concetto sul quale Daniel Goleman, psicologo americano, ha teorizzato nel 1995 e che valuta la capacità di mettere in pratica e sfruttare la modalità d’intelligenza basata sulle emozioni. Le indagini che Goleman condusse mostrano che il successo professionale è determinato dalle competenze non tecniche relazionate all’affetto come scioltezza, adattabilità, iniziativa, fiducia, empatia…

Così ci sono persone che, con un alto quoziente intellettivo, non raggiungono il successo, mentre altri meno attrezzati a quel livello, emergono con facilità grazie alla preparazione emotiva sfruttata saggiamente. Il Coefficiente emotivo è perfetta con l’età e può lavorare e svilupparsi costantemente grazie a esercizi molto semplici. Tutto l’opposto dell’intelletto di rapporto (CI), la cui evoluzione è stata arrestata durante l’adolescenza. Queste due forme di intelligenza non sono incompatibili, ma sono perfettamente complementari.

> Che utilità ha?

L’intelligenza emotiva è essenziale, così che l’utilizzo di questi test nel mondo degli affari comincia ad essere così diffusa come il colloquio di lavoro. Oggi, con l’obiettivo di viso è a loro imperativi competitivi e strategici dell’azienda, richiederà molte caratteristiche personali e sociali. Misurare queste qualità emozionali offre ulteriore comprensione nella personalità del candidato. E in casi in cui le competenze tecniche e intellettuale sono molto simili tra i candidati per un lavoro, intelligenza emotiva potrebbe fare la differenza.

>Che cosa rivela?

Il Coefficiente emotivo mostra la capacità di concentrazione del candidato, il controllo dei sentimenti e delle emozioni e la capacità di gestire relazioni con gli altri. Il risultato del test è la misurazione del livello di empatia.
Molte aziende come L’Oreal e Peugeot già valutano la qualità delle relazioni con se stessi e gli altri lavoratori.

>In cosa consiste?

BarOn, reso popolare dallo psicologo americano Ruben BarOn, è uno dei test più conosciuti e utilizzati al giorno d’oggi. Con validità scientifica, questo modo di misurare l’intelligenza emotiva è frequente negli Stati Uniti dal 1995. Anche se il suo ingresso in Europa è stato più tardi, ha avuto una grande accoglienza nelle aziende.
E’ composto da alcune centinaia di affermazioni attribuite alla vita in generale ed è valutabile in cinque livelli e raggruppati in quindici dimensioni. Il candidato deve dare per ciascuna affermazione un punteggio con una scala da 1 a 5. A quel punto il computer mostra le risposte e analizza i risultati confrontandoli con altri risultati già ricevuti. Ad esempio, la prima risposta ricevuta è «preferiscono lavorare solo in team» ed il candidato risponde di «preferire di lavorare da solo» intuirà che ha un’intelligenza debole poiché il suo livello di coesistenza è considerato basso. Le conclusioni dello studio valuteranno le aree che copre.

Ci sono molti test su Internet progettati da psicologi che permettono di conoscerci meglio per sfruttare efficacemente le nostre competenze personali e sociali.

È chiaro che questi test non sono efficaci e i risultati non sono precisi se il candidato non risponde con sincerità. Non appena riceveremo le conclusioni, possiamo sentirci un po’ scomodi con il risultato. L’importante è imparare sempre qualcosa di nuovo del nostro modo di essere.

Vedi anche:
i test psicometrici
Test di memoria
Emilie Cointe

Scritto da Francesco Vazza
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • mal di piediMal di piedi e gambe: i migliori consigli e rimedi utili

    L’alluce valgo, l’insufficienza venosa, il caldo eccessivo e la stanchezza sono le cause principali del mal di piedi e gambe che comporta difficoltà.

  • spensieratoCosa fare per sentirsi più giovani e spensierate
  • default featured image 1200x900Cosa fare per sentirsi più giovani e spensierate

    Gli esperti ci dicono che sentirsi giovani dentro comporta moltissimi benefici per la nostra salute, invecchiare è di certo inevitabile, ma nulla vieta di sentirsi e apparire giovani il più a lungo possibile.

  • Covid-19 virusOmicron, un paziente su 4 è più contagioso almeno 8 giorni

    Lo dice una ricerca della prestigiosa rivista scientifica Nature: si può rimanere contagiosi anche dopo la seconda settimana.

Contents.media