Centrale di Vado e morti premature

Nei mesi scorsi, si era aperta un’indagine intorno alla centrale elettrica che si trova a Vado Ligure, in provincia di Savona, che aveva infine condotto al sequestro e alla chiusura dello stabilimento.

L’accusa mossa nei confronti degli impianti e dei loro gestori era di disastro ambientale.

Infatti, pare che tra il 2000 e il 2007 nel territorio si siano verificate oltre 400 morti che sarebbero imputabili ai gas emessi dalla centrale. Tali emissioni avrebbero causato nella popolazione adulta malattie alle vie respiratorie e all’apparato cardiocircolatorio, mentre nei più piccoli attacchi d’asma, appurati tra il 2005 e il 2012.

La centrale è di proprietà della Tirreno Power ed era in funzione da più di trent’anni, e due medici facenti parte di un’associazione ambientalista hanno denunciato, in questo arco di tempo, costi sociali per 142 milioni di euro e 3 mila e 380 morti premature.

Solo pochi giorni fa è stata avanzata una richiesta per la riapertura degli impianti, respinta però dal procuratore della Repubblica di Savona.

Scritto da Cristina Marziali
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Sorbetto alle fragole

Prodotti campani

Leggi anche
  • kasia lenhardt morta indagato boatengKasia Lenhardt trovata morta in casa: indagato Boateng per violenza

    Jerome Boateng è indagato per violenza fisica sull’ex fidanzata e modella Kasia Lenhardt, trovata morta suicida lo scorso 9 febbraio.

  • francia assorbenti gratisFrancia, assorbenti gratis da settembre per tutte le studentesse

    Con l’avvio del nuovo anno scolastico, migliaia di studentesse francesi troveranno assorbenti gratis nelle università e residenze studentesche.

  • donne dirigenti nel mondoDonne dirigenti nel mondo: nel 2021 in aumento ma non in Italia

    I risultati emersi dalla ricerca “Women in business 2021” parlano chiaro: le donne dirigenti sono in aumento ma rimangono ancora troppo poche.

  • Eldina Jaganjac chi èChi è Eldina Jaganjac, la ragazza che ha sfidato i canoni di bellezza

    La trentunenne danese Eldina Jaganjac dal marzo 2020 ha smesso di depilarsi e invita tutte le donne a liberarsi dalle costrizioni sociali.

Contents.media