Centrale di Vado e morti premature

Nei mesi scorsi, si era aperta un’indagine intorno alla centrale elettrica che si trova a Vado Ligure, in provincia di Savona, che aveva infine condotto al sequestro e alla chiusura dello stabilimento.

L’accusa mossa nei confronti degli impianti e dei loro gestori era di disastro ambientale.

Infatti, pare che tra il 2000 e il 2007 nel territorio si siano verificate oltre 400 morti che sarebbero imputabili ai gas emessi dalla centrale. Tali emissioni avrebbero causato nella popolazione adulta malattie alle vie respiratorie e all’apparato cardiocircolatorio, mentre nei più piccoli attacchi d’asma, appurati tra il 2005 e il 2012.

La centrale è di proprietà della Tirreno Power ed era in funzione da più di trent’anni, e due medici facenti parte di un’associazione ambientalista hanno denunciato, in questo arco di tempo, costi sociali per 142 milioni di euro e 3 mila e 380 morti premature.

Solo pochi giorni fa è stata avanzata una richiesta per la riapertura degli impianti, respinta però dal procuratore della Repubblica di Savona.

Scritto da Cristina Marziali
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Sorbetto alle fragole

Prodotti campani

Leggi anche
  • simboli contro violenza donneDalle scarpe rosse alla panchina: tutti i simboli contro la violenza sulle donne

    Dalle scarpe rosse alle panchine che colorano le piazze: ecco quali sono tutti i simboli più conosciuti contro la violenza sulle donne.

  • cosa significa demigirlCosa significa Demigirl e perché è importante saperlo

    Cosa significa essere Demigirl: la definizione e l’importanza di saper distinguere l’identità di genere dall’orientamento sessuale di una persona.

  • Giampiero Galeazzi malattiaGiampiero Galeazzi malato da tempo: “Non ho il Parkinson, ma il diabete”

    “Non ho il Parkinson, ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe”, aveva detto nel 2019 in una delle sue ultime apparizioni.

  • venezia top ginnastica ragazze 2Venezia, top di ginnastica vietato alle ragazze: “Distraggono i maschi”

    A Venezia ha fatto molto discutere la decisione di un’insegnante che ha vietato alle ragazze di indossare il top sportivo durante l’ora di ginnastica.

Contents.media