Calendario Pirelli 2011, Julianne Moore protagonista delle foto di Karl Lagerfeld

Non è solo un calendario. E’ il calendario. Alla faccia delle cliccatissime Belen Rodriguez e Marika Fruscio (a proposito, come mai il suo calendario attira così tanto?), è stato presentato da pochi giorni a Mosca l’attesissimo 38° calendario Pirelli.

Mythology è il filo conduttore dei trentasei scatti in bianco e nero realizzati da Karl Lagerfeld, che ha immortalato l’attrice Julianne Moore insieme ad altri venti bellezze della moda, quindici femmine e cinque ragazzi.

Zeus, Era (interpretata dalla Moore), Apollo, Aiace, Ares, Achille e tanti altri dei ed eroi della mitologia classica sono i protagonisti di questo nuovo calendario, ormai diventato un’icona del suo genere.

In meno di tre giorni Lagerfeld, nel suo studio di Parigi, ha espresso attraverso le immagini il suo personale concetto di mito e di bellezza: «La modernità della mitologia è nell’amore per la giovinezza, nel culto del corpo, nell’accettazione del desiderio senza punizione divina e nell’omaggio permanente reso alla Natura».

Qui sotto alcune immagini tratte dal Calendario Pirelli 2011 (clicca sulle foto per ingrandirle).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com