Calendario 2011, tocca alle sexy hostess Ryanair: guarda le foto

Lo confesso, ho parlato così tanto di calendari negli ultimi mesi che non so più cosa inventarmi per buttare giù un post decente.

Avevo pensato a una frasetta del tipo “Da oggi prendere un aereo non sarà più la stessa cosa“, ma per la mia (e vostra) salute mentale ve la risparmio.

Passo dunque alle classiche – e sempre molto efficaci – 5 W, intanto quello che vi interessa sono le foto, giusto? (a proposito, le trovate alla fine del post).

Ecco dunque il fatto: la Ryanair ha ben pensato di far togliere la divisa alle sue hostess più carine, far loro indossare succinti bikini Anni Sessanta e spedirle a Fuerteventura per un servizio fotografico tra spiagge e yatch di lusso.

Il ricavato in beneficenza, off course: i proventi del calendario andranno alla Tafel, associazione tedesca che fornisce pasti gratuiti a bambini e ragazzi in condizioni di indigenza.

Altro che Alitalia, che a suo tempo ha dovuto accontentarsi non di uno, ma di ben due reality show (quanti di voi ricordano Daniela Martani?) e dissociarsene con tanto di licenziamento in diretta tv.

Qui sotto alcune foto tratte dal calendario Ryanair (clicca sulle immagini per ingrandirle).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com