Calendario 2011, foto sexy pure al Grande Fratello (traduzione: non sanno più cosa inventarsi)

Parto con una confessione: contravvenendo alla mia etica professionale in quanto blogger di Spettacoli, quest’anno non sto seguendo il Grande Fratello.

Diamo pure la colpa a Fazio e Saviano, ma devo ammettere che la mia resistenza in questa edizione del Gf non va oltre ai riassunti di Paolo Siciliano su Teledicoio.

So solo che ci sono (correggetemi se sbaglio) tanti letti bollenti, la fidanzata di uno che è entrata giusto in tempo per non farsi cornificare, uno con la moglie incinta fuori e tanti interessanti (?) casi umani.

Comunque sia, dato che il troppo sesso non aiuta l’audience, si è ben pensato di far fare ai concorrenti un calendario.

I ragazzi sono dunque impegnati nel mettere in scena pose sexy, che saranno immortalate in dodici scatti da regalare ai fan per Natale.

Chissà se Sheila, Guendalina, Margherita e compagnia bella -dato che l’unica a mio parere calendarizzabile è già stata eliminata – sapranno reggere la concorrenza dei numerosi calendari già in circolazione.

Qui sotto le foto di alcuni concorrenti (clicca sulle immagini per ingrandirle).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com