Berlusconi, Ruby e il bunga bunga spiegato da Severgnini

Le tristi vicende di questi giorni riguardanti Berlusconi, Ruby, i festini e le prostitute mi hanno rammentato l’interessante intervista barbarica di Daria Bignardi a Beppe Severgnini su La7. La conversazione dovrebbe essere ascoltata nella sua interezza, ma dura mezz’ora: conoscendo i frettolosi tempi internettiani, mi permetto di segnalarvi i punti a mio avviso pi— significativi.

Minuto 03:00 = non vorrei invecchiare come lui, la pancia degli italiani, Berlusconi complice.

Minuto 07:10 = il presidente albanese, la battuta sulle belle ragazze, in bilico tra tentazione e pena.

Minuto 13:10 (ma soprattutto 13.40) = il difetto della sinistra e Berlusconi assoluzione vivente.

Minuto 15:30 = la frase di Gaber, Berlusconi ci somiglia, il berluscometro, la differenza tra leader e follower.

Minuto 20:50 = le gaffes di Silvio, Obama abbronzato, non tutto Š popolarit…, la reputazione italiana nel mondo.

Minuto 27:25 = il fattore hoover (aspirapolvere), Google e Gog•l.

Minuto 30:40 = pensiero finale, le nuove generazioni, Berlusconi simpatico pezzo da museo.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com