Video e foto hard, tre anni di carcere al cantante indonesiano Nazril Irham

Le reazioni possibili a quanto sto per raccontarvi sono due.

Reazione semiseria: una bella risata a pensare quante donne al mondo – da Pamela Anderson a Kim Kardashian a Kendra Wilkinson and so on – rischierebbero di finire dietro le sbarre per la loro incapacità di avere incontri intimi senza un flash nel raggio di pochi metri.

Reazione seria: l’indignazione nel pensare che esistono ancora Paesi nel mondo dove si può perdere la libertà per così poco. Perché in fondo esistono reati ben peggiori dello scegliere di diffondere via web immagini che dovrebbero rimanere private.

Scegliete voi la reazione che preferite, io mi limito a raccontarvi com’è andata.

La popstar indonesiana Narzil Irham, conosciuto anche con il nome d’arte di Ariel e vocalist della band Peterpan, è stato condannato a 3 anni di carcere e a una multa di 250mila rupie (l’equivalente di quasi 28mila dollari) per aver diffuso in rete video in cui fa sesso con la compagna Luna Maya e l’ex fidanzata Cut Tari.

Si tratta del primo vip indonesiano a subire le conseguenze della legge anti-pornografia entrata in vigore nel 2008. L’accusa aveva chiesto una condanna a quattro anni e mezzo.

Qui sotto alcune foto di Nazril (clicca sulle immagini per ingrandirle).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com