SLS e SLES: cosa sono e perché sono da evitare nei detergenti

SLS e SLES, cosa sono e perchè è importante sapere cosa contengono i prodotti che utilizziamo.

La sensazione di essere sommersi dalla schiuma durante una lunga doccia o un bagno caldo piace a tutti. Il profumo e la percezione del sapone sulla pelle regalano subito pace e relax. Parte del merito va attribuito a SLS e SLES, due sigle finite spesso al centro dell’attenzione nel mondo della cosmetica. Capiamo insieme di cosa si tratta e perché è il caso di dedicargli la nostra attenzione.

SLS e SLES: cosa sono

SLS (Sodium Lauryl Sulfate) e SLES (Sodium Laureth Sulfate) sono tensioattivi, sostanze che si occupano per l’appunto di diminuire la tensione superficiale dell’acqua e in poche parole di sciogliere il grasso ed eliminarlo attraverso il risciacquo. Sono infatti presenti in moltissimi prodotti detergenti, come per esempio shampoo e saponi e si riconoscono per la grande quantità di schiuma prodotta. Sono inoltre così diffusi anche per il loro prezzo in quanto inserirli nei detergenti è un azione a basso costo.

Advertisements

Perché è importante conoscerli?

Da diverso tempo si discute del possibile effetto cancerogeno di queste sostanze, sebbene ad ora non vi sia una risposta univoca e certa. Si è constatato però che sono allergizzanti, specialmente per via della loro aggressività sulla pelle in seguito a processi chimici che prevedono l’inserimento di petrolio nei tensioattivi stessi. Inoltre si inseriscono tra le sostanze dette alcaline, che portano il ph della pelle ad un livello basico che si riflette poi in una sensazione di secchezza eccessiva.

Le persone con una pelle molto sensibile dovranno infatti prestare attenzione a questi due agenti chimici che a lungo termine possono lasciare tracce importanti sul corpo.

SLS e SLES cosa sono

Alternative naturali ai SLS e SLES

Optare per un prodotto naturale può essere un sollievo per la pelle, che ingannata dalla piacevole sensazione della schiuma non percepiva i veri effetti del prodotto. Tra le opzioni alternative si possono cercare i derivati del cocco e dell’olio d’oliva che è possibile trovarlo nello shampoo o nella crema corpo. Scegliere una di queste due opzioni può essere rivoluzionario, per se stessi e per l’ambiente.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Come indossare il dolcevita: consigli e idee di look

Ottobre rosa 2020 per la prevenzione del tumore al seno: gli eventi

Leggi anche
  • tinta capelli a casa come fareTinta per capelli a casa: come fare e i passaggi da seguire

    Fare la tinta a casa non è difficile, ma per non rovinare i capelli è necessario eseguire i vari passaggi in modo corretto: scopriamo come fare.

  • capelli asciugamano dopo shampooAvvolgere i capelli nell’asciugamano dopo lo shampoo fa male: i motivi

    Fare un turbante con l’asciugamano con la chioma bagnata è un’abitudine sbagliata che sarebbe meglio evitare.

  • come pettinare i capelli durante il lockdownCome pettinare i capelli durante il lockdown: i consigli

    Volete mantenere i capelli in ordine durante il lockdown ma non sapete come fare? Qui di seguito le migliori acconciature.

  • 
    Loading...
  • crema schiarenteCrema schiarente per parti intime: i benefici e quale scegliere

    La crema schiarente si applica, non solo sul viso, ma anche nelle parti intime, compreso i capezzoli, i genitali per un miglioramento dell’epidermide.

Contents.media