Roberto Benigni 60 anni: auguri al piccolo diavolo del cinema

A dicembre tornerà in televisione con “La più bella del mondo” e ci auguriamo di rivederlo presto anche al cinema

Compie oggi sessant’anni Roberto Benigni, nato il 27 ottobre 1952 a Castiglion Fiorentino, personaggio tra i più solidi del mondo dello spettacolo italiano.

Un eterno bambino che, con l’estro e la semplicità della fantasia, saprà di sicuro regalarci, anche in questa nuova età della vita, qualche inaspettata sorpresa.

A dicembre lo rivedremo in televisione con La più bella del mondo, serata a tema sulla costituzione italiana.

Vincitore di tre Oscar nel 1999 con La vita è bella e regista dei due lavori successivi di minor successo Pinocchio del 2002 e La tigre e la neve del 2005, Benigni si è allontanato dal grande schermo, salvo sporadiche apparizioni (come il recente To Rome with Love di Woody Allen) per riabbracciare il teatro con le spettacolari letture dantesche, portate anche in televisione.

Ma è proprio in tale sede che personalmente mi piacerebbe rivederlo, poichè al cinema italiano manca un Benigni, attore e/o rgista, di film come Berlinguer ti voglio bene, Tu mi turbi, Non ci resta che piangere, Il piccolo diavolo, Johnny Stecchino, Il mostro e molti altri.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com