Piazzapulita, Favia shock: “M5S nelle mani di Casaleggio” (video)

Ieri puntata assai movimentata di Piazzapulita su La7. Argomento: il MoVimento Cinque Stelle di Beppe Grillo ed i suoi “misteri”. Favia shock: “M5S nelle mani di Casaleggio” (poi ritratta)

Ieri puntata assai movimentata di Piazzapulita su La7. Argomento: il MoVimento Cinque Stelle di Beppe Grillo ed i suoi “misteri”.

Pare infatti che dietro al comico genovese ci sia tal Casaleggio, singolare esperto di marketing che – stando a quanto suggerito – tesse le fila nell’ombra.

La campagna elettorale Š ufficialmente partita, anche se nessuno lo dice. Ne abbiam viste tante, di campagne elettorali, ormai ci abbiam fatto il callo. Ci• che per• lascia perplessi, stavolta, Š il livello di confusione che c’Š in Italia, ottimamente riassunto dagli ospiti del programma:

– ci sono quelli che ancora s’aggrappano ai partiti tradizionali sperando in un cambiamento che non arriva mai, come il gruppo d’elettori PD in collegamento da Firenze;

– ci sono i giornalisti, che cercano di raccontare e spiegare ci• che succede, troppo spesso a seconda delle convenienze;

– ci sono i politici, sempre uguali, sempre verbosi e sempre pronti a dar la colpa agli altri;

– ci sono gli incazzati allo stadio terminale come Roberto D’Agostino, a cui ad un tratto Formigli cede la parola, che si lancia in un pittoresco intervento contro tutto e contro tutti (e che conclude l’invettiva con un “grazie al cazzo!” piuttosto eloquente);

– ci sono i grillini “onesti”, che ci mettono volont… ed impegno e che potrebbero realmente rappresentare una rivoluzione culturale (superamento dei partiti del ‘900);

– ci sono infine quelli che cercano d’approfittare della buona volont… della gente per guadagnare (esistono in ogni ambito e ad ogni livello, a destra come a sinistra, in alto come in basso).

In un progetto come il M5S sono un rischio gigantesco, perchŠ corrompono un’idea “nuova” rendendola “vecchia”.

In tutto questo, arriva lo scoop della serata: parte un filmato in cui Giovanni Favia, esponente del M5S, viene raggiunto da un inviato di Formigli per una intervista. Credendo che i microfoni siano spenti, Favia si lascia andare ad alcune scottanti rivelazioni (qui sotto il video). Poco dopo arriva la smentita: Mentana, tra gli ospiti in studio, dice d’aver sentito telefonicamente Favia, che dichiara d’esser distrutto, di aver detto certe cose in preda alla frustrazione e di avere grande stima di Casaleggio.

Boh, sar…. Io mi domando solo come abbia fatto Favia a fidarsi cos del primo che passa, spifferando gli affari suoi (e del movimento) ad un cronista. Sperava davvero che quelle confidenze sarebbero rimaste segrete? Riferendole ad un *giornalista*? Ci credo poco. Forse, consciamente o meno, voleva venissero trasmesse in tv… di modo che – come dire? – ‘chi ha orecchie per intendere, intenda’.

Segui TELE DICO IO su Facebook e Twitter!

ALTRI LINK:

Grillo attacca Renzi: “Non sei nessuno”. Il botta e risposta

Grillo e i follower su Twitter: pi— della met… sarebbero falsi

Grillo a Bersani: “Sei un fallito, politici incompetenti”

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com