Olbia, lascia la polizia e diventa donna: la storia di Carla

Enzo, 55enne romano, dopo anni difficili in cui ha perso compagna e figlia, lascia la polizia e decide di cambiare sesso. Ora si chiama Carla Baffi.

La storia di Carla è quella di un 55enne che fino a poco tempo fa lavorava in Polizia. Si chiamava Enzo ed era sopravvissuto all’alluvione del 18 novembre 2013 di Olbia. In quella tragedia ha perso la compagna e la figlia nemmeno 2 anni, trascinate vie dalla corrente.

Ora, dopo anni di sofferenza, ha deciso di affrontare il percorso di transizione e di diventare quella che, in fondo, è sempre stata: Carla.

La storia di Carla

Il ciclone Cleopatra aveva mietuto vittime quel 18 novembre 2013, Olbia si ritrovò d’un tratto con decine di morti e centinaia di sfollati. Tra le vittime di quel giorno ci furono anche Patrizia e sua figlia Morgana, di 23 mesi, che furono trascinate dalla piena.

Il padre della piccola e compagno della donna, Enzo, aveva assistito alla tragedia. Le aveva viste morire in via Belgio, dove ora passano i familiari delle vittime durante la camminata in ricordo di quanto accaduto quel drammatico giorno.

Leggi anche: Chi è Maria Luisa Pellizzari, la prima donna vice capo della Polizia

Enzo Giagoni, romano, ex poliziotto, ha trent’anni di servizio alle spalle e quella scena tragica della morte della compagna e della figlia indelebile nella memoria.

Dopo un lungo travaglio durato anni, però, ha deciso di iniziare una seconda vita e, per farlo, ha iniziato un percorso di transizione per cambiare sesso. Il percorso deve ancora concludersi ma Enzo non poteva più continuare a nascondersi. “Sono Carla e ora sono quella che sono sempre stata. Non potevo più continuare a vivere una vita che non sentivo mia” spiega a La Nuova Sardegna. Ora Enzo si chiama Carla, Carla Baffi.

Leggi anche: Kamala Harris sulla copertina di Vogue: sui social è già polemica

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Dieta dell’olio di oliva: i benefici

Le serie tv da vedere per non sentire la mancanza di Bridgerton

Leggi anche
Contents.media