Nasce una Fondazione in onore di Nadia Toffa

La famiglia di Nadia Toffa ha presentato la Fondazione in suo onore, che si occuperà di portare avanti tutte le battaglie della 'Iena bionda'.

A qualche mese dalla morte di Nadia Toffa, avvenuta il 13 agosto 2019, è nata la Fondazione in suo onore. L’annuncio è arrivato dalle pagine social dell’indimenticabile conduttrice de Le Iene, gestite dalla sua famiglia. Super Toffa continuerà così a vivere nel cuore di quanti l’hanno amata e le sue battaglie saranno portate avanti.

Nadia Toffa: la fondazione

Il vuoto lasciato dalla scomparsa di Nadia Toffa continua ad essere incolmabile. Guardare Le Iene senza avvertire un senso di incompletezza è impossibile, questo è quello che sentono i suoi fan, quindi immaginiamo che i sentimenti che vivono i suoi familiari siano ancora più forti. Nadia non era solo una conduttrice, ma era molto, molto di più. Era un vulcano, era la biondina che, via social e nonostante la malattia, mandava messaggi positivi a follower e haters.

Proprio per continuare la sua opera di ‘positività’, se così vogliamo chiamarla, la famiglia della conduttrice ha dato vita alla Fondazione Nadia Toffa. Sul profilo Facebook della conduttrice de Le Iene si legge: “Oggi nasce la Fondazione Nadia Toffa e questa la sua immagine, fortemente voluta da tutta la famiglia perché celebra nelle forme e nei colori il sorriso e l’entusiasmo di Nadia. La Fondazione ha lo scopo di dare un aiuto concreto a chi ogni giorno lavora per migliorare la salute e la vita delle persone più deboli e indifese, perseguendo i valori di solidarietà e ricerca della verità di cui Nadia è sempre stata simbolo e per i quali si è battuta in vita.

La Fondazione sarà anche su Instagram”. Il logo scelto per la Fondazione ricorda il caschetto biondo della conduttrice e il suo bellissimo sorriso e, soltanto a guardarlo, trasmette una grande forza.

L’eredità di Nadia

La Toffa ha lasciato una grande “eredità” a tutta la sua famiglia e a quanti l’hanno sempre amata. Nadia ci ha spiegato cosa significa combattere e, soprattutto, ci ha insegnato a non mollare mai, anche quando la vita sta per sfuggirci dalle mani. La Fondazione nata a Brescia in suo onore continuerà ad aiutare i malati, così come la conduttrice de Le Iene faceva quando era in vita. I fondi ottenuti con la vendita del suo ultimo libro intitolato “Non fate i bravi: La testimonianza che ci ha lasciato”, uscito dopo la sua morte, saranno devoluti all’Istituto neurologico Besta di Milano, a progetti nella Terra dei fuochi, al reparto ospedaliero a lei intitolato a Taranto e alla ricerca sul tumore al cervello. Nadia è scomparsa il 13 agosto 2019 e questa data resterà per sempre impressa nel cuore di tutti, ma la sua anima continua a vivere: questa Fondazione ne è la dimostrazione. Quanti sorrisi starà facendo Super Toffa? Tanti, immaginiamo proprio che sia felice come non mai.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Diletta Leotta, il look al Gran Galà 2019 conquista tutti: le foto

Nicoletta Romanoff, nozze bis alle Maldive a una settimana dal 1° si

Leggi anche
  • chi era amedeo modiglianiChi era Amedeo Modigliani: storia del pittore italiano

    Si è formato in Italia, ma è sbocciato a Parigi e ha coltivato nella capitale francese la sua più grande passione: la pittura.

  • chi è michelle hunzikerChi è Michelle Hunziker: tutto sulla conduttrice televisiva

    Michelle Hunziker è una delle donne più brillanti della televisione italiana. Amata da tutti per il suo spiccato umorismo e la sua solarità.

  • chi era carlo betocchiChi era Carlo Betocchi: storia del poeta italiano

    Carlo Betocchi, il poeta piemontese dalla linea poetica distinta e particolare nel suo genere.

  • chi era edouard manetChi era Edouard Manet: storia del pittore francese

    Eduard Monet e il suo rapporto con la pittura tra passato, realismo e impressionismo.

Contents.media