Louis Vuitton lancia le borse personalizzate Mon Monogram

,

Un tuffo nel passato reso possibile dalle tecnologie più moderne. Cosi’ le borse griffate più famose del mondo, quelle di Louis Vuitton, possono essere personalizzate con le iniziali dei proprietari.
Il nuovo servizio offerto ai clienti e possibile grazie ad un apposito programma informatico, si chiama non a caso mon monogram e riprende una tradizione ottocentesca; già nel XIX secolo infatti la maison offriva la possibilità di personalizzare gli articoli da viaggio rigidi, come bauli, valige, beauty case e cappelliere, con le iniziali e motivi a bande nei colori della famiglia o del casato, dipinti rigorosamente a mano.

Per le famiglie blasonate, inoltre, era possibile far contrassegnare i set di valige con il proprio stemma nobiliare. Oggi come allora la nuova possibilità di personalizzazione delle valigie verrà realizzata a mano con iniziali e bande dipinte ad acrilico sulla tela. La modalità è semplice: il cliente troverà all’interno dei Louis Vuitton store una postazione informatica grazie alla quale potra’ divertirsi a personalizzare la borsa con le proprie iniziali e le due bande colorate.

Disponibile per il momento su tre modelli di borse (la celeberrima Speedy, la sacca morbida da viaggio Keepall e prossimamente sul trolley Pegase), il sistema high tech di personalizzazione permette di ottenere 200 milioni di possibili combinazioni, grazie alla scelta di 16 differenti abbinamenti di colore e di dimensioni dei caratteri.
Dopo aver scelto colori, iniziali e posizione delle bande, l’ordine verra’ inviato direttamente ad Asnières, nello storico workshop Louis Vuitton a 10 km da Parigi, dove il prodotto sarà realizzato nel giro di 4 settimane.

La personalizzazione viene eseguita con una speciale tecnica di serigrafia che permette di stampare bande e iniziali direttamente sulla tela originale, che solo in seguito verrà tagliata e cucita per realizzare la borsa.
Per adesso il servizio è disponibile negli store Louis Vuitton di Milano e Roma ma nel corso del 2009 arriverà anche nei negozi di Firenze, Napoli, Bologna, Torino, Venezia e Verona.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Enrico Coveri rimane fedele agli abiti multicolor

Le scarpe di “R diciannove sessanta” rendono omaggio alla natura

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.