Il tuo lui ti ha lasciato? Ecco come superare il trauma

Il tuo lui ti ha lasciato? Non riesci a fartene una ragione? Sì, indipendentemente dal tempo in cui sei stata insieme, se lo amavi, è sempre un trauma difficile da superare. C’è chi dice che addirittura la fine di una storia d’amore è come un lutto: c’è bisogno del tempo per poter andare avanti.

Noi, però, ti diamo qualche suggerimenti per poter andare avanti.

Chiodo schiaccia chiodo? Può essere la soluzione, a patto che…

È la prima cosa che viene in mente a chi è stata lasciata bruscamente. O, comunque, la tentazione c’è. Chiodo schiaccia chiodo è la soluzione più semplice ma può funzionare solo in alcuni casi. Ad esempio, non bisogna utilizzarla subito. Ma lasciar passare almeno qualche giorno.

Perché, ‘a caldo’, qualsiasi ragazzo ti sembrerà meno interessante. Se stai già pensando di andare su bakeca incontri donna cerca uomo Roma aspetta un po’. La tentazione di andare sulle chat e conoscere persone nuove è tanta.

Però rischi di non utilizzare al meglio la strategia di conoscere altre persone per dimenticare il tuo lui. E, anzi, rischia di essere perfino deleterio.

Fai qualcosa che non hai mai fatto. E che avresti sempre voluto fare

Tornando indietro con il tempo, pensa a tutte le cose che avresti voluto fare e che, magari, non hai fatto perché stavi con il tuo ex. Un viaggio da sola, giusto per dirne subito una. Oppure iscriversi in palestra o a un corso di ballo.

Tutte attività che hanno tre tipi di vantaggi. In primis, possono essere fatte perfino il giorno dopo che lui ti ha lasciato. Nel senso che un viaggio da sola non vuol andare a conoscere altre persone per forza. Ma è un mezzo per stare un po’ con se stessa. Oppure, iscriversi a un corso di ballo è un tentativo per distrarre la mente da altri pensieri.

Poi, sono attività che possono farti scoprire lati di te che erano nascosti. Pensa, ad esempio, al fatto che puoi essere timida e impacciata. Viaggiando da sola oppure andando a un corso di ballo, dovrai necessariamente scioglierti e, quindi, acquisire quella dimestichezza che, in cuor tuo, desideravi da tempo.

Infine, sono attività che non costano tanto. Anche il viaggio: dipende dal mezzo di trasporto, da dove vai e in quale struttura ricettiva alloggi.

Razionalizza i suoi comportamenti

Ci sta pensare che il tuo lui fosse perfetto. Che non aveva difetti. Che ti faceva stare bene semplicemente guardandolo, baciarlo, accarezzarlo, toccandolo. Ma questa è una visione idealistica che hanno tutte quelle che si sono lasciate bruscamente. O, meglio, che sono state lasciate bruscamente.

In realtà, la verità è molto più cinica di quello che si possa pensare. Se provi a razionalizzare, pensi magari a tutte quelle volte che non ti ha reso felice, che ti ha tarpato le ali mentre stavi volando, che ti ha deluso, che non ti ha fatto sentire desiderata.

Di’ la verità: stiamo toccando le corde giuste? Riflettendo, stai pensando che è davvero così? È proprio così! Ovviamente, quando siamo abituati a una presenza e quella presenza non c’è più, il nostro cervello, in maniera del tuo arbitraria e automatica, ‘elimina’, come se non fossero mai esistiti, tutti quei momenti brutti che ogni coppia trascorre. E, quindi, a quel punto rivalutiamo perfino tutto quello di negativo che c’era stato prima.

Non puoi decidere a priori quanto tempo deve passare

Questo è, forse, il consiglio più difficile da accettare. Soprattutto se vedi amiche che nel giro di 4 mesi si sono riprese mentre tu sei da un anno ancora a pensare al tuo ex. Purtroppo, qui dobbiamo darti una brutta notizia: non esiste un tempo standard per tutti su questo argomento.

C’è chi riesce a guardare già oltre e fidanzarsi in breve tempo, c’è chi dopo un mese in cui è da sola riesce a ‘buttarsi’ in una nuova relazione e c’è chi, magari ha bisogno anche di 10 mesi.

Non fare il confronto con le altre. Pensa a te. Ogni persona, ogni relazione è diversa dalle altre. E chi prova a generalizzare crea solo delle false illusioni.

Importante è cominciare a guarda oltre. Quello sì che va fatto necessariamente quanto prima!

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • punto l punto g uomoPunto L, anche l’uomo ha il “punto G”: tutti i consigli su come trovarlo

    Anche l’uomo ha il Punto G, anche detto il “punto L”, che se stimolato può fare provare un intenso piacere. Ecco tutti i consigli su come stimolarlo.

  • barba che non cresceBarba che non cresce: i consigli per il proprio lui

    La barba che non cresce può preoccupare, ma il giusto rimedio naturale farà tornare il sorriso al vostro partner.

  • barbaBarba: metodi naturali per farla crescere al proprio uomo

    Per far crescere la barba in modo veloce sono vari i prodotti da adottare.

  • come curare la barbaCome curare la barba a casa: i consigli per il proprio lui

    Come curare la barba con prodotti che siano specifici e ben mirati.

Contents.media