Guida per autori tv: a che servono pubblico in studio e risate finte?

Pubblico in studio e risate registrate sono funzionali alla messa in onda di alcuni programmi televisivi.

Il primo è un "collaboratore" scenico formato da una comunità umana reale che ha il compito di rispecchiare e stimolare all'emulazione quella "virtuale" sparsa nelle case, il cosiddetto "pubblico televisivo".

La laff box, ovvero la risata finta "in scatola" inventata in Usa negli anni '50 da Charlie Douglass, è invece un surrogato simbolico della platea reale che ne riproduce una tipica reazione di consenso allo Show.

Anche in questo caso, la sua mansione è di spronare l'audience e di suscitare l'imitazione del pubblico.

Natura e funzioni di questi elementi dello Spettacolo televisivo sono spiegati da due esperti in due distinti saggi, che ho inserito nella Guida per autori di Tv e Media (clicca qui per scaricarli, nella sezione Documenti).

"Questa presenza (del pubblico in studio, ndr)- scrive Renata Guizzetti su Golemindispensabile- ha la funzione di trasformare il pubblico a casa in pubblico in studio incoraggiando un'attività silenziosa e quasi inconscia di proiezione e identificazione. La scelta di rappresentare il pubblico a casa attraverso il pubblico in studio è infatti un passaggio intermedio grazie al quale gli autori di un programma assolvono al compito di istruire (anche emotivamente) chi sta a casa sulle sensazioni e sulle reazioni che deve avere e provare rispetto a ciò che accade in studio ".

Prosegue idealmente il discorso il semiologo Giampaolo Proni, parlando di risate registrate.

"La TV ha cercato di ovviare alla separazione dal suo spettatore e degli spettatori tra loro, dapprima trasmettendo spettacoli teatrali veri e propri, con pubblici che reagivano autenticamente ad attori che recitavano autenticamente…Sit com, striscie e altre tipologie non consentono la presenza di un vero pubblico…Qui si pone l'invenzione della ‘laff box', cioè la messa in onda, in corrispondenza di una battuta o di una gag, di risate registrate…"

"Sarebbe come se un insegnante, durante la propria lezione, inserisse di tanto in tanto la registrazione di uno studente che esclama ‘Ho capito!' ‘Sì, è chiaro!' ‘Ah, proprio interessante!'. C'è da chiedersi ‘Ma può l'effetto sostituire la causa?' Se una battuta non fa ridere, sentendo ridere, riderò?"

Scritto da Style24.it Unit
Categorie TV
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Grande Fratello: audio intervista a Guendalina, finalista del GF7

Quelle domande intelligenti che smascherano l’informazione italiana

Leggi anche
  • francesco-sciannaChi è Francesco Scianna: fidanzata, film, moglie, altezza

    Nel 2009 Francesco Scianna diventò ufficialmente noto al grande pubblico con il film Baarìa, diretto da Giuseppe Tornatore. Vediamo biografia e carrie

  • Fabrizio-BentivoglioFabrizio Bentivoglio: chi è, film, serie tv, moglie

    Fabrizio Bentivoglio è da quarant’anni è uno dei principali volti del cinema italiano. Andiamo a conoscerlo meglio.

  • giustizia-per-tuttiGiustizia per tutti: trama e cast della fiction

    Da oggi, mercoledì 18 maggio, andrà in onda su Canale 5 la fiction Giustizia per tutti. L’appuntamento è alle ore 21:20. Scopriamo insieme cast e trama.

  • fiction-rai-2022Anticipazioni fiction Rai 2022: cosa vedremo tra la primavera e l’estate

    Vediamo insieme quali repliche di fiction e serie TV e quali novità andranno in onda sulla rete ammmiraglia Rai a partire da fine maggio.

Contents.media