Gianna Nannini al mare: eccola con il tutore dopo l’incidente con il cinghiale

Per schivare un cinghiale, è caduta e si è fratturata il malleolo. Per Gianna Nannini l’estate non è stata delle più dolci. L’incidente mentre era in mountain bike sui colli senesi: 60 giorni di riposo assoluto.

La 58enne rocker italiana, però, non ha rinunciato al mare nonostante l’infortunio.

Con il tutore, si è comunque fatta vedere e fotografare a Marina di Bibbiana, insieme alla figlia Penelope di due anni.

Piena di energia come al solito, ha giocato con la sua bimba sotto l’ombrellone. Distesa sul lettino, come si vede dagli scatti di Gente, si è ritrovata con un’aiutante di lusso, proprio Penelope, assorbita nella costruzione dei castelli di sabbia.

Un bel quadretto familiare, insomma. Per togliere il tutore, però, Gianna Nannini dovrà attendere l’autunno inoltrato.

Per scacciare il caldo, intanto, all’aria di mare non si rinuncia.

LINK UTILI
X Factor 6, Gianna Nannini giudice: prende il posto di Arisa? Confermato il resto della giuria

Gianna Nannini a Vanity Fair: “E se ne partorissi un altro?”

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com