Festival e Dopofestival non ci resta che piangere

Ieri sera, sulle note dell'ormai inconfondibile e oserei dire anche poco sopportabile "Perchè Sanremo è Sanremo", Pippo Baudo, accompagnato dalla bella Michelle Hunziker, ha dato il via alla 57esima edizione del Festival di Sanremo.

La prima serata del Festival inizia con un Baudo decisamente emozionato, che in apertura fa subito il suo proclama: "La nostra intenzione è di fare cinque serate dedicate alla musica italiana", subito dopo introduce la Hunziker che appare evidentemente tesa e per rompere il ghiaccio si lancia in una performance, in cui con un filo di voce, canta "Adesso Tu", canzone con cui l'ex marito Eros Ramazzotti trionfò a Sanremo nel 1986, per ringraziarlo della figlia, che hanno insieme, Aurora.

E se stando alle parole di Baudo avevamo per una attimo sperato che si trattasse del Festival della canzone italiana, dopo la dichiarazione della Hunziker veniamo subito smentiti e capiamo che piuttosto si tratta del Festival di Michelle, che si racconta dicendo: "C'è una sola cosa che ho fatto bene nella mia vita, e l'ho fatta con quell'uomo". C'era quasi da commuoversi se non fosse che dopo pochi minuti gli occhi lucidi hanno lasciato il posto ad un sorriso smagliante.

Una cosa è certa, almeno questa performance iniziale ha assicurato al Festival quel minimo di ascolti che servono a garantirgli la sopravvivenza. Già perchè purtroppo il Festival in qualche modo si salva sempre, anche se a guardarlo sono quattro gatti non c'è davvero verso di farlo saltare. E pensare che Mediaset, La7 e le altri reti concorrenti hanno anche cambiato la loro programmazione, inserendo programmi forti per contrastare Sanremo…ma c'era davvero bisogno?! Non so, voi che ne dite?

Sul resto della serata stenderei un velo pietoso, canzoni piuttosto bruttine (come sempre), andamento lento e noioso.

Da quest'anno hanno deciso di mantenere segrete le classifiche fino alla finale, ottimo stratagemma per tentare di tenere alto l'audience, visto come stanno le cose è l'unica  soluzione a cui possono pensare di aggrapparsi.

Dopo tutto questo, una domanda sorge spontanea…ma se il Festival già rasenta l'obrobrio, chi avrà la forza di guardare anche il Dopofestival? Insomma l'unica cosa che vale la pena valorizzare di Sanremo sono i fiori!

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ai nastri di partenza Sanremo 2007!

Festival di Sanremo “convergente” nell’era della musica on line: un’utopia?

Leggi anche
  • Cornelia Jakobs chi èChi è Cornelia Jakobs: la cantante svedese dell’Eurovision 2022

    Tutto quello che sappiamo su Cornelia Jakobs, la cantante svedese che parteciperà all’Eurovision Song Contest 2022 con il suo brano Hold Me Closer.

  • mara carfagna chi èChi è Mara Carfagna: vita privata e curiosità sulla ministra

    Laureata in Giurisprudenza, sesto posto a Miss Italia, alle spalle una legge contro lo stalking: la carriera della Ministra per il Sud Mara Carfagna.

  • Recensione nuovo film "Animali Fantastici - I segreti di Silente"Recensione del nuovo film “Animali Fantastici – I segreti di Silente”

    “Animali Fantastici – I segreti di Silente”, nuovo film intenso e sempre sul filo del rasoio, concentra l’attenzione sui tragici intrecci di Albus Silente.

  • freaks outFreaks Out: trama e cast del film

    Freaks Out è un film del 2021 dai grandiosi effetti speciali e con un grande cast, la cui trama ha tocchi di fantasy e dramma.

Contents.media