Donne dirigenti nel mondo: nel 2021 in aumento ma non in Italia

I risultati emersi dalla ricerca "Women in business 2021" parlano chiaro: le donne dirigenti sono in aumento ma rimangono ancora troppo poche.

Le donne al vertice di grandi aziende stanno aumentando, ma non in Italia. I dati della ricerca “Women in business 2021” di Grant Thornton segnalano un incremento a livello globale ma da noi le donne dirigenti sono passate solo dal 28% al 29%, mentre la media globale è del 31% con Paesi come Francia al 33% e Germania al 38%.

Donne dirigenti nel mondo

Sempre di più ma sempre troppo poche. I numeri delle donne dirigenti sono stati raccolti in “Women in business 2021“, ricerca effettuata su circa 5.000 imprese del mid-market in 29 nazioni tra cui l’Italia, da Grant Thornton, network globale che si occupa di consulenza e revisione per le imprese. Secondo i dati raccolti, la prima parte del 2021 è fonte di un certo ottimismo per il senior management femminile, dal 29% nel 2020 al 31%, e, sempre a livello globale, cresce la percentuale di imprese con almeno una donna nelle posizioni di comando (90% nel 2021 rispetto all’87% nel 2020).

Più nello specifico, è stata evidenziata una crescita rilevante di donne in posizione di amministratore delegato: dal 20% al 26% di CEO e dal 30% al 36% di CFO.

La tendenza è senza dubbio positiva e riflette le decisioni prese a livello aziendale per favorire la parità di genere valorizzando il contributo femminile. Negli ultimi sei mesi le azioni intraprese maggiormente dai manager intervistati sono state la garanzia della parità di accesso alle opportunità di lavoro e di sviluppo (39% nel 2021 contro il 34% nel 2020) e la creazione di una cultura inclusiva all’interno della propria azienda (36% contro il 34% nel 2020).

Analizzando la parità di accesso, gli USA hanno una percentuale del 48% mentre in Europa la situazione cambia leggermente, con Spagna al 35%, Germania al 23% e Italia al 26%.

L’Italia si muove lentamente ma resta comunque indietro. Sulle donne dirigenti si nota un leggero miglioramento rispetto al 2020 nelle risposte degli intervistati, dal 28% al 29%, ma il risultato cambia se estendiamo il confronto a livello globale. La media nel mondo è del 31% e altri Paesi europei, come Francia (33%) e Germania (38%), ci superano drasticamente. Un altro dato da analizzare riguarda il tipo di carica che una donna occupa: solamente le posizioni di CFO, 30% contro 29%, e Chief Marketing Officer, 22% contro 16%, sono in crescita rispetto all’anno scorso e restano comunque più basse di quelle globali, rispettivamente 36% e 23%. Calano poi le funzioni di amministratore delegato ricoperte da donne, si passa dal 23% nel 2020 al 18% nel 2021, dato preoccupante soprattutto se confrontato a quelli di Paesi come Germania, 27% e USA 28%. Nel nostro Paese il gender gap è ancora elevato e il Covid non ha migliorato la situazione: i dati dimostrano che le più penalizzate sul lavoro sono ancora le donne.

Leggi anche: Agevolazioni assunzioni donne 2021: gli sgravi previsti dalla manovra

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Sanremo 2021, “Ogni cosa sa di te” di Greta Zuccoli: il testo e il significato

Sanremo 2021, “Che ne so” di Elena Faggi: il testo e il significato

Leggi anche
  • vaticano contro ddl zanVaticano contro il ddl Zan: la Santa Sede rompe il silenzio

    Il progetto di legge contro l’omotransfobia non è conforme con il Concordato tra Italia e Santa Sede, questo è quanto dichiara la Santa Sede in una nota all’ambasciata italiana

  • pandemia bambine mutilazioni genitaliPandemia e mutilazioni genitali: aumentano i casi sulle bambine

    Nei Paesi del Terzo mondo i casi di mutilazioni genitali alle bambine sono sensibilmente aumentati con la pandemia di Coronavirus.

  • victoria secret angeliVictoria’s Secret dice addio ai suoi ‘angeli’: il rebranding dell’azienda

    L’azienda Victoria’s Secret si rivoluziona completamente, dicendo addio alle supermodelle dette ‘angeli’ per fare posto ad una femminilità inclusiva.

  • womxn inclusivo cos'èWomxn, cosa significa l’inclusivo termine inglese

    Ad essere entrato di recente nel dizionario della lingua inglese è il nuovo termine “Womxn”, di cosa si tratta?

Contents.media