Chiara Ferragni: “Ddl Zan non c’entra nulla con le cose dette in Senato”

Chiara Ferragni si sfoga su quanto andato in scena in Senato nel corso della discussione sul Ddl Zan.

Chiara Ferragni è tornata a parlare del Ddl Zan, lanciando frecciatine al veleno contro alcuni politici. L’imprenditrice ha seguito con attenzione la discussione in Senato sul disegno di legge e ha detto la sua in merito alle castronerie che ha sentito uscire dalla bocca di alcuni volti più o meno noti. 

Chiara Ferragni sul Ddl Zan

Il Ddl Zan è finalmente arrivato in Senato. Il disegno di legge promosso da Alessandro Zan è stato discusso, ma alcuni politici, ovvero quelli contrari alla sua approvazione, hanno pronunciato parole che in molti non hanno gradito. Tra loro c’è anche Chiara Ferragni che, via social, ha lanciato frecciatine al vetriolo contro alcuni volti più o meno noti. 

Ho sentito senatori parlare di ciccioni, altri ululare e fischiare come fossero in uno stadio“, ha tuonato la moglie di Fedez.

L’imprenditrice ha ammesso che, forse, alcuni politici sembravano inconsapevoli del luogo in cui si trovavano, ovvero il Senato della Repubblica. 

Chiara Ferragni sul Ddl Zan: lo sfogo

Chiara prosegue il suo sfogo dicendo che ha sentito alcuni parlamentari definire l’omofobia uno “pseudopericolo“, mentre altri continuavano a parlare di genitore 1 e genitore 2. Non solo, alcuni politici si sono concentrati anche su cartoni animati, calciatori ed eterofobia. Secondo la Ferragni, quella che doveva essere una discussione su un disegno di legge importante, volta a mostrare il volto migliore del Paese, si è trasformata in un teatrino indegno. 

Perché non educare i nostri figli a non odiare o discriminare gli altri?“, si chiede la moglie di Fedez. 

Chiara Ferragni sul Ddl Zan: la libertà di pensiero

L’imprenditrice ha sottolineato che la libertà di pensiero è “sacrosanta“, ma questo non può significare “mentire, deridere, esasperare, fischiare“. Quanto avvenuto al Senato per discutere della proposta di legge “non c’entra nulla con il Ddl Zan“. Lo sfogo della Ferragni si conclude ricordando a quanti la seguono che è importante non combattere l’odio con la repressione, ma con l’educazione. 

La battaglia di Chiara sul Ddl Zan è stata elogiata da Monica Cirinnà che, durante la discussione in Senato, ha dichiarato: “La Commissione Giustizia ha ostacolato attraverso l’operato del presidente il lavoro sul Ddl Zan. Abbiamo dovuto votare l’incardinamento, è una cosa inaudita. E l’incardinamento si è sbloccato quando gli influencer hanno alzato il tiro. Credo che tanti li temano“. 

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • Davide DonadeiChi è Davide Donadei, ex tronista di Uomini e Donne

    Davide Donadei, classe 1995, è stato un tronista di Uomini e Donne e fidanzato con Chiara Rabbi: scopriamo qualcosa in più su di lui.

  • Chiara RabbiChi è Chiara Rabbi, l’ex corteggiatrice e fidanzata di Davide Donadei

    Tutto su Chiara Rabbi, ex corteggiatrice di Uomini e Donne e ormai ex fidanzata di Davide Donadei

  • Wanda NaraWanda Nara: chi è ed età della showgirl moglie di Icardi

    Wanda Nara è una showgirl argentina di 36 anni e attualmente è sposata con il calciatore Mauro Icardi dal quale ha avuto due figlie.

  • Evelina SgarbiEvelina Sgarbi, chi è la giovane figlia del critico d’arte?

    Tutto su Evelina Sgarbi, la giovane figlia del noto critico d’arte Vittorio Sgarbi, anch’essa appassionata di arte e dal carattere vivace e furbo.

Contents.media