Charlene Di Monaco, prima foto dopo il collasso: “Dio vi benedica”

Charlene Di Monaco, prima foto dopo il collasso: come sta la moglie del principe Alberto?

Charlene di Monaco è tornata a mostrarsi in pubblico. Dopo il collasso, la principessa ha mostrato sui social la sua prima foto. Nell’immagine in questione appare sorridente e lancia un messaggio a coloro che, in questi mesi complicati, le hanno dimostrato affetto e vicinanza. 

Charlene di Monaco dopo il collasso

Da mesi ‘reclusa’ in Africa a causa di una malattia che non le consente di prendere un aereo per tornare nel principato, Charlene di Monaco ha deciso di tornare a mostrarsi sui social. Dopo il collasso avuto a inizio settembre, che le è costato un ricovero in ospedale, la consorte del principe Alberto ha pubblicato un suo scatto su Instagram. Nell’immagine in questione appare sorridente. 

Charlene di Monaco dopo il collasso: le parole

Dio vi benedica“, scrive Charlene di Monaco sui social. Il suo volto è provato, ma un sorriso, seppur tirato, fa comunque capolino. La consorte di Alberto indossa un maglioncino nero, ma non è questo ad aver colpito i fan. Al collo sfoggia un rosario, dettaglio che fa apparire leggermente “mistico” il suo messaggio. Il consorte, nel frattempo, sta cercando di districarsi da solo tra impegni pubblici, occasioni mondane e obblighi casalinghi/genitoriali. 

Charlene di Monaco dopo il collasso: è ancora in Africa

Mentre Alberto di Monaco è a Palazzo Grimaldi, Charlene è ancora nella sua casa in Sud Africa. La donna è lontana dalla sua dimora dallo scorso mese di maggio e soltanto in una occasione ha ricevuto la visita dei gemelli Jacques e Gabriella. “Alberto è il pilastro principale della mia vita e la mia forza, e senza il suo amore e il suo sostegno non sarei stata in grado di superare questo momento doloroso“, ha ammesso la principessa in questi mesi difficili. 

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Stasera in tv 4 ottobre 2021: la programmazione completa

Corinaldo, si apre il centro studi internazionale sulla donna

Leggi anche
Contents.media